Ultim'ora

Sessa Aurunca/Maiano – La salma di Carmela rilasciata per i funerali. Fissati la data e il luogo del rito funebre

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Sessa Aurunca/Maiano (di Giovanna Cestrone) – La salma della povera Carmela, ritrovata nel pomeriggio di lunedì 19 Marzo scorso su una spiaggia di Mondragone nei pressi del Lido Borrelli, è stata restituita ai suoi cari. Dopo l’esame autoptico che si è tenuto presso l’Istituto di Medicina Legale di Caserta, è stata stabilita anche la data dei funerali. Il rito funebre con l’estremo saluto di quanti l’hanno conosciuta e amata in vita è fissato per domani 23 Marzo alle ore 12.30 nella chiesa di Calvizzano, in provincia di Napoli . Carmela De Rosa, 50 anni di origini napoletane, si era allontanata il 9 Marzo da Maiano, frazione di Sessa Aurunca in cui viveva col compagno da 6 anni. L’ultimo avvistamento della signora avvenne verso le 14.30 del venerdì davanti alla chiesetta del paese, dopodiché si persero le tracce. Al momento del suo mancato rientro a casa, furono allertare le forze dell’ordine a cui i familiari denunciarono la scomparsa. Nella fase di ricerca, unitamente ai Carabinieri della stazione di Lauro, si attivarono i Vigili Del Fuoco di Teano e Caserta, il Nucleo Sommozzatori dei Vigili Del Fuoco di Napoli, per scandagliare il fiume Garigliano, un Elicottero per le ricerche aeree sul territorio e la Squadra Af/Ucl. Sul posto erano inoltre accorse le unità Cinofile dei Carabinieri e dei Vigili Del Fuoco, la Protezione Civile di Cellole e di Sessa, e i volontari dell’Associazione Asky di Santi Cosma e Damiano. Carmela il giorno della sua scomparsa era stata ripresa da alcune telecamere della Cooperativa Padre Pio di Maiano e di una villa privata e il suo cellulare aveva agganciato una cella tra i comuni di Minturno e San Cosma e Damiano. Il video la ritraeva in tuta da ginnastica blu, la stessa con cui era vestita al momento del suo ritrovamento, e diretta verso la zona di Castelforte con passo veloce e deciso. Il peggio sulle sue sorti si è temuto soprattutto quando i cani molecolari delle Unità Cinofile arrivati sul ponte del fiume Garigliano si fermavano senza proseguire oltre e quello che è stato sempre un angoscioso sospetto, si è tramutato in amara realtà. Carmela, che soffriva da tempo di depressione e che si era già allontanata da casa ai tempi in cui viveva in provincia di Napoli con la mamma, ha deciso di porre fine alla sua vita lasciando le comunità di Giugliano e Sessa sconvolte dalla terribile notizia e una famiglia in preda al più orribile dolore.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Calcio, il Notaresco “sfratta” la FC Matese dai play off. Il monito di Urbano a Rega: la società deve crescere

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Sconfitta di misura per gli uomini di mister Urbano sul campo del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.