Ultim'ora

CASTELLO DEL MATESE – Abusi edilizi, ex sindaco sotto processo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

CASTELLO  MATESE –  Sotto processo con l’accusa di abusi edilizi. Gli imputati sono tre, uno dei quali è l’ex sindaco del comune di Castello del Matese: il 53enne Alfonso Riccitelli.  Insieme a lui, alla sbarra, presso il palazzo di giustizia pedemontano, anche il 42enne Pietro Montone, fratello dell’attuale primo cittadino di Castello del Matese, e il 44enne Alfredo D’Ambrosa.  I fatti risalgono all’anno 2004, ma gli accertamenti furono effettuati solo nel 2006. Ad eseguirli fu l’ufficio tecnico del comune, che accertò effettivamente alcune, seppur lievi, violazioni in materia di edilizia. I tre uomini sono soci di una cooperativa edilizia. Va detto che gli abusi vengono contestati solo a Riccitelli e a Montone, mentre il D’Ambrosa si trova coinvolto nel procedimento penale perché è il presidente della stessa cooperativa. Riccitelli è difeso, in sede di processo, dall’avvocato di fiducia Ercole Di Baia, mentre D’Ambrosa è assistito dal collega Carlo De Lellis. Infine, Montone ha affidato la propria difesa nelle mani dei legali, Giuseppe Stellato e Carlo De Lellis.  Il Giudice ha disposto il rinvio della discussione in aula, per il prosieguo dell’istruttoria dibattimentale, all’udienza del mese di giugno del 2012.  Francesco Mantovani

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Roccamonfina / Teano –  Rapinano un anziano, due fidanzati davanti al giudice: ecco l’accusa contro la coppia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Roccamonfina / Teano – Saranno, domani, davanti al giudice per il necessario interrogatorio di garanzia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.