Ultim'ora

GIOIA SANNITICA – Evade dai domiciliari, sotto processo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

GIOIA SANNITICA –  Evade dai domiciliari, Gaetano Biondi – 30enne di Gioia Sannitica – finisce a giudizio. Erano stati i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Piedimonte Matese, con gli appuntati scelti, Elio Carbone e Cristian Mizzoni, coordinati dal maresciallo capo, Gianfranco Di Desiderio, a sorprendere l’uomo mentre si trovava per le vie cittadine in compagnia di una donna. L’attuale imputato – con a carico precedenti per furto aggravato, violazione alle leggi in materia di armi e stupefacenti e altri reati contro il patrimonio e la persona – doveva invece trovarsi agli arresti domiciliari. Alla vista dei militari tentava anche una breve fuga, ma veniva subito bloccato. Tentava di giustificarsi dichiarando che si era allontanato dalla sua abitazione per incontrarsi con la fidanzata. Ma la donna, con cui lo stesso si trovava, lo smentiva, riferendo che tra i due c’era solo un semplice rapporto di amicizia. A quel punto per Biondi scattavano inevitabilmente le manette. Rinviato a giudizio, si sta svolgendo il processo a suo carico presso il tribunale monocratico del capoluogo matesino. Il giudice ha rinviato la discussione in aula al febbraio 2013 per il prosieguo dell’istruttoria. Francesco Mantovani

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Castel Volturno – “Action day” interforze nella “Terra dei Fuochi” contro la gestione e lo smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti delle lavorazioni

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Castel Volturno – Effettuata lo scorso giovedì, nei Comuni di Napoli e Castel Volturno (CE), …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.