Ultim'ora
foto di repertorio

LA SCOSSA – Terremoto 4,3 nel catanzarese: gente in strada e scuole chiuse

Catanzaro – Terremoto di magnitudo 4.3 a Catanzaro. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 36 km di profondità ed epicentro in mare in prossimità di Catanzaro Lido. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. La scossa è stata avvertita anche a Soverato, Crotone, Cosenza, Vibo Valentia e in gran parte della Calabria. Molti abitanti del centro storico di Catanzaro si sono riversati per strada. Non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Sono state molte le chiamate effettuate alla sala operativa del Comando provinciale di Catanzaro dei Vigili del fuoco da cittadini allarmati. Molte le persone che si sono riversate in strada nel timore che il sisma potesse ripetersi. Il sindaco Nicola Fiorita ha disposto per oggi la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Altre due scosse di terremoto hanno fatto seguito, nel corso della notte, alla prima. Le scosse sono state registrate all’1:05 ed alle 3:36 a Stalettì ed a San Floro, due centri del comprensorio di Catanzaro, ed hanno avuto una magnitudo, rispettivamente, di 2.0 e di 2.4. In entrambi i casi, comunque, così come per la scossa principale, non c’è stato alcun danno.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Pietravairano – L’ex sindaco Zarone travolto da un albero durante la notte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.