Ultim'ora

Pietravairano – Appalti truccati in comune: fra pochi giorni la sentenza di Appello. La prescrizione ha già cancellato molti reati

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

PIETRAVAIRANO – Si svolgerà fra pochi giorni l’ultima udienza del processo di Appello per gli appalti truccati in comune, processo nato dall’inchiesta denominata Longa Manus, condotta dalla Procuratrice Cozzolino attraverso la Guardia di Finanza di Piedimonte Matese. Una sentenza, quella di Appello, che dovrà fare i conti con la prescrizioni che ha cancellato gran parte dei reati contestati agli imputati.
Gli imputati, condannati in primo grado, tenteranno di ribaltare la decisione e quindi la sentenza emessa dal giudice di Santa Maria Capua Vetere.  Le persone coinvolte nella vicenda sono: Enzo Del Sesto; Giovanni Zagaria; Dario Rotondo; Gennaro Di Bello; Pietro Cerbo; Giuseppe Di Duca; Raffaele Iasimone; De Carlo Francesco; Valerio Mortellaro; Gianfranco Altieri; Carlo Marcello; Del Sesto Antonio; Francesco Cecere; Francesco Greco; Luigi Torromacco; Francesco D’Aniello; Luigi Mario Diana; Teresa Zagaria; Martino Avella; Pasquale Schiavone; Antonio Capaldo; Pasquale Galoppo; Agostino Diana. I maggiori responsabili dei fatti contestati, secondo la sentenza emessa dai giudici di primo grado, sono l’ex assessore Enzo Del Sesto, l’ex sindaco Dario Rotondo, e gli imprenditori Pietro Cerbo, Gennaro Di Bello e Giovanni Zagaria.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

 IL DRAMMA – Uomo si getta in mare per salvare i 3 figli: muore lui e un bimbo di 6 anni

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Castel Volturno – Una giornata di vacanza si è trasformata in un dramma. Padre e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

uno + quattro =

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.