Ultim'ora
foto di repertorio

Pietravairano – Rapina in noto ristorante del paese, dipendente presa a calci

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Pietravairano – Un grave fatto di cronaca si è verificato a Pietravairano qualche settimana fa. Due giovani, con accento straniero, avrebbero fatto irruzione all’interno di un noto locale della zona portando via la cassa. Per portare a termine il loro piano non avrebbero esitato a colpire, secondo alcune voci  raccolte in paese, con un calcio una dipendente che avrebbe tentato di fermarli.  I due malviventi sarebbero arrivati alla porta d’ingresso del ristorante La Caveja,  intorno alle ore diciannove. Quello stesso portone di vetro dal quale si scorge la cassa. L’entrata però era ancora chiusa. Il rumore prodotto dai due tmalviventi avrebbe attirato l’attenzione di una dipendente che stava preparando la sala. La donna, ipotizzando due clienti per la cena, avrebbe tentato di spiegare loro che dovevano avere ancora qualche minuto di pazienza. Ma, ai due non interessava la cena. Erano interessati alla cassa. Così uno di loro avrebbe sferrato un calcio alla dipendente, avrebbe poi afferrato la cassa scappando subito dopo. Magrissimo il bottino, considerato che l’attività serale della Caveja non era ancora partita, arraffato dai due balordi. Sul caso indagano i carabinieri di Vairano Scalo, competenti per territorio

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Vairano Patenora – Coronavirus, contagiato bimbo di un asilo: scattala l’isolamento per l’intera classe

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Vairano Patenora – Un bimbo che frequenta un asilo (una struttura privata del paese) è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.