Ultim'ora

SPARANISE – Volley e Municipio, tutta una questione di famiglia. Quando il nuovo è già vecchio

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

SPARANISE –  Una (semplice) questione di famiglia sembra unire il Volley con il municipio di Sparanise. E qualche “conflitto d’interessi” si scorge all’orizzonte. Così, in poco tempo,  “il nuovo che avanza”, anche a Sparanise, sembra già “vecchio”, più vecchio del vecchio. Non basta riempiersi la bocca di buoni propositi per cambiare una società. Non basta riempiere i social di slogan e di promesse per trasformare un paese. Così come non basta mostrarsi insofferenti verso le critiche per evitarle. Servono, invece, fatti concreti con i quali dimostrare che dalla teoria si può anche arrivare all’attuazione pratica. Se poi, nei fatti, si commettono le stesse “marachelle” che venivano attribuite al vecchio, allora si è fatto qualche passo indietro e non avanti.
Emblematica la delibera di giunta numero 9 dello scorso quattro luglio 2016 con la quale il governo locale aderisce al progetto “Scuola in Salute” proposto dalla società Volley di Sparanise. Un progetto che dovrebbe valere poco meno di 19mila euro e che servirà – almeno nelle intenzioni – per migliorare il decoro e la qualità dell’edificio scolastico “Don Gugliemo Ricca” di Sparanise ed in particolare gli interventi progettuali si concentreranno sulle aree esterne della scuola dove sono previste le installazioni di giostrine, applicazione manto gommato nell’area giochi, realizzazione orto didattico con annessa serra, pulizia e sistemazione aree verdi. Tutto bello se non fosse per qualche “conflittuccio” d’interessi e per una probabile “questione di famiglia”.
Infatti il referente della società Volley è Pietro Fusco, nipote di Fabio Monfreda capogruppo di maggioranza e zio (acquisito) della moglie del sindaco Salvatore Martiello. Inoltre La Volley Sparanise ha un contenzioso con il municipio. E questa non sembra essere cosa da poco.
Ma non basta: la Amistad, società di Salvatore Martiello, sindaco di Sparanise  è sponsor della stessa Volley. E continuano a chiamarlo rinnovamento
volley-sparanise-societa

volley-sparanise-Vertenza Volley_Pagina_1volley-sparanise-Vertenza Volley_Pagina_2

volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_01 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_02 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_03 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_04 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_05 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_06 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_07 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_08 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_09 volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_10                        volley-sparanise-progetto scuola volley_Pagina_36

 

Guarda anche

DRAGONI / MILANO – 40 ANNI DALLA SCOMPARSA DI CARLO BUONANTUONO, IL COMUNE DI MILANO RICORDA L’AGENTE UCCISO DAI TERRORISTI DEL NAR

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / MILANO – Il comune di Milano, mediante una manifestazione commemorativa, ha ricordato il …

5 commenti

  1. Massimo Monfreda

    Dire che l’autore dell’articolo è fazioso è un eufemismo ed è uno schiaffo all’intelligenza umana se soltanto si pone piu’ attenzione alle date . Ancor di più offende persone che cercano di muovere qlc del pantano Sparanisano come migliorare le infrastrutture del proprio paese, nel caso della Scuola Materna…… ma la mancanza della firma all’articolo di cui sopra conferma la malafede. Il progetto, caro autore dell’articolo, sai benissimo che è dell’anno scorso quando questa amministrazione non esisteva ed è stato approvato nel periodo in cui c’era il Commissario Pref. con lo Sparanise Volley ( messo in causa dall’Amm. Mariano ) sempre attivo sul territorio nonostante i vari problemi ed i politici avessero nel frattempo chiuso anche il Palasport …… . Questo ti dimostra il senso di responsabilità e di amore che abbiamo per la nostra terra se non l’avessi ancora capito. Il fatto che l’imprenditore Salvatore Martiello sia vicino ed è stato vicino negli anni ai vari sport sparanisani è che tu te ne accorga solo adesso dimostra ancor di più quanto tu sia distratto. Le varie allusioni che si fanno sulla spesa del finanziamento poi dimostrano forse il tuo modus operandi non certo il nostro. A progetto finito mi aspetto lo stesso interesse nel divulgare il successo di una iniziativa di cittadini liberi a favore della collettività e dei giovani figli di Sparanise. Monfreda Massimo

  2. Anche in questa sua risposta si sente – lontano un miglio – il profumo del nuovo !!!!
    Noi, in generale, non siamo amici dei sindaci e delle amministrazioni perchè in esse, purtroppo, troppo spesso, si annidano i “parassiti”. Quindi se ne faccia una ragione. Di articoli come questi che lei chiama faziosi solo perchè ledono qualche maestà a lei vicina, saranno scritti ogni volta che ci saranno documenti a sostengo, come in questo caso. Pace e bene

  3. Massimo Monfreda

    Il progetto in questione è datato 2015 , quando non c’era alcuna amministrazione . La sua approvazione è avvenuta nell’aprile del 2016 quando vigeva ancora il Commissario. Quindi qualsiasi amministrazione, che si sarebbe insediata di li a qualche mese , di qualsiasi colore, avrebbe dovuto prendere atto e beneficiare di questa iniziativa . Che poi debba passare che il tutto sia stato fatto in un mese per favorire questo o quello è semplicemente FALSO e le date parlano chiaro …….. Dai documenti evidenziati risulta che il presidente è Capezzuto Costantino ma si evidenzia il referente ai campionati giovanili Fusco Piero …. è normale? o si cerca ad ogni costo un collegamento? Facile a Sparanise gira gira siamo tutti più o meno imparentati . Poi e concludo , il mio intervento è per fare chiarezza su di una faccenda di cui sono fiero ( da Sparanisano) e non per difendere qualcuno e visto che ci sono documenti a supporto li legga , comprese le date.

  4. Un cittadino Comune

    Caro Professore,
    Ci sei o ci fai ?
    Il giornalista sta discutendo che avete un contenzioso con il comune cioè non avete pagato quel poco che dovevate pagare per la gestione del palazzetto(Struttura che avete gestito sempre voi e che voi avete ridotto in condizione pietose e che un vostro assessore oggi , vi ha chiuso)non potete fare progetti con un soggetto pubblico di cui avete contenzioso questo dalle nostre parti si dice incompatibilità.
    Un cittadino comune

  5. Cittadino in comune

    Caro cittadino comune, la verità è che non c’è più trippa per gatti. E finalmente sei tornato un cittadino comune…che c’accis perché in 20 anni non hai fatto altro che questo…ritorsioni, vendette, beghe personali, personalismi…e intanto questo territorio è sprofondato nel nulla…come finalmente anche voi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.