Ultim'ora

CAPUA – Venne picchiata a sangue dal figlio, è morta dopo sei giorni di sofferenze Annamaria Fiorillo

CAPUA – E’ morta Annamaria Fiorillo, la 76enne pestata a sangue dal figlio. Sei giornifa, esattamente lo scorso 11 ottobre, l’uomo colpi ripetutamente l’anziana madre che dopo giornidi sofferenza è deceduta. Giuseppe Sabatella, 45 anni, fu arrestato l’11 ottobre scorso dopo che aveva simulato un incidente per giustificare le condizioni  in cui i carabinieri trovarano la madre. Ora la posizione di Giuseppe Sabatella, 45 anni di Capua , si aggrava perché la sua mamma è morta. Annamaria Fiorillo, 76 anni, era ricoverata al Secondo Policlinico di Napoli. Il suo quadro clinico dopo il ricovero dava speranza, ma, nella giornata di mercoledì, le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate fino alla morte. Il pm ha disposto subito l’autopsia.

I FATTI CHE PORTARONO ALL’ARRESTO: Colpito da un improvviso raptus di violenza aggrediva con calci e pugni la madre, all’interno della propria abitazione, facendole battere il capo contro alcuni mobili, riducendola in fin di vita. Resosi conto di ciò che aveva fatto, adagiava la povera madre sul letto, provvedendo nel contempo a ripulire il pavimento sporco di sangue, allontanandosi poi dall’abitazione non prima di aver avvisato, telefonicamente, la sorella di ciò che aveva fatto. Sul posto interveniva personale del 118 che immediatamente allertava i Carabinieri della Compagnia di Capua, i quali oltre ad effettuare i rilievi del caso sul luogo dell’aggressione, si ponevano alla ricerca dell’uomo, rintracciandolo nei pressi della sua abitazione. La vittima veniva trasportata presso l’Ospedale di Santa Maria Capua Vetere, dove quei sanitari gli riscontravano numerose ferite, riservandosi la prognosi, giudicandola in pericolo di vita. Sabatella Giuseppe, cl.1968, di Capua, questo il suo nome, è stato quindi arrestato con l’accusa di tentato omicidio e rinchiuso presso la  Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Cellole – Furti a Baia Domizia: le vittime indignate dall’apatia dell’amministrazione

Cellole – “Niente, nessuno prende a cuore il problema, siamo soli. Gli amministratori non sopportano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *