Ultim'ora

Napoli / Caserta – Gasolio spacciato per sgrassante per non pagare 4 milioni di tasse: 5 indagati

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Napoli / Caserta –  Contrabbando aggravato” di prodotti petroliferi è il principale capo di imputazione di 5 soggetti, a seguito del quale i funzionari del Reparto Antifrode dell’Ufficio delle Dogane e i militari del Gruppo della Guardia di Finanza di La Spezia hanno sequestrato preventivamente immobili e disponibilità finanziarie per oltre 240.000 euro; un importo pari all’illecito profitto derivante dall’evasione delle accise e dell’imposta sul valore aggiunto. Le indagini, iniziate nel 2019, hanno consentito di porre sotto sequestro 244.000 litri di gasolio, di individuare un totale di 24 spedizioni tra importazioni e transiti in contrabbando aggravato (per un totale di 64 containers) e accertare l’evasione di maggiori diritti di confine per oltre 243.000 euro. Le attività illecite si sono sviluppate tra Bologna, Parma, Genova, Livorno, Lucca, Pisa, Teramo, Napoli e Caserta.
L’intervento congiunto di ADM e della Guardia di Finanza ha consentito attraverso perquisizioni e acquisizioni documentali, di smascherare l’attività fraudolenta e di individuare i responsabili nonché le società fittiziamente interposte o appositamente costituite in Repubblica Ceca e Venezuela e intestate a prestanome. L’indagine ha consentito di ricostruire con schiaccianti elementi probatori l’attività illecita che ha prodotto sanzioni complessive per oltre 4 milioni di euro tra diritti doganali e di accise. Fondamentale l’apporto fornito dai Laboratori Chimici di ADM che hanno accertato che il prodotto dichiarato come “sgrassante” era in realtà gasolio, ne è derivato un primo sequestro, operato nel porto di La Spezia, di un carico di oltre 40.000 litri di gasolio proveniente dal Venezuela e stivato in flexitank (all’interno di due containers).
In altri otto containers sono stati individuati ulteriori 200.000 litri di gasolio con le medesime caratteristiche. Nelle more del procedimento finalizzato alla confisca, il gasolio sequestrato è stato assegnato in custodia giudiziale con facoltà d’uso, per finalità addestrative, al Comando dei Vigili del Fuoco della Regione Toscana.

Guarda anche

Francolise – Corruzione elettorale, sotto processo consigliere comunale, il padre e un imprenditore

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Francolise – Una vicenda molto complicata con l’imputato, Tommaso Campanile, che ha sempre respinto ogni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.