Ultim'ora
foto di repertorio

Teano / Cellole – Amico di penna di un condannato a morte, il progetto innovativo Shoah dell’Istituto Alberghiero

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Teano / Cellole – Amico di penna di un condannato a morte. E’ una corrispondenza che da circa tre anni gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Teano diretto dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Annamaria Orso hanno iniziato con quattro detenuti rinchiusi nel braccio della morte. Con la Prof.ssa Maria Tierno referente del progetto gli studenti hanno letto e commentato lettere di condannati a morte e ne sono rimasti profondamente colpiti. In loro è nato, quindi, il desiderio di contattare, direttamente, i detenuti per partecipare alla loro sofferenza. La loro lettera doveva essere una stretta di mano, un semplice abbraccio. Invece, man mano che questa corrispondenza è andata avanti, si è scoperto un mondo di dolore, di solitudine, di paura, di totale abbandono e tanto bisogno di perdono. Il comitato Paul Rougeau ha creato il contatto con Fernando (carcere San Quentin in California), Melissa in Texas, David e Thomas in Florida. Ne è nata un’amicizia sincera. Fernando, prima di morire ha scritto: “Non smettere mai di sognare. Arrendersi alla disperazione equivale a sdraiarsi e lasciarsi morire.” Se un condannato a morte può sorridere pur guardando la morte, a maggior ragione tutti voi nel mondo libero potete iniziare ogni giorno con un sorriso! Non smettere mai di sognare! Il presente lavoro nasce dalla prospettiva secondo cui occuparsi di pena di morte non possa ridursi, soprattutto in ambito educativo, a semplici elenchi di dati o descrizioni di brutture e sofferenze, ma debba significare, prima di ogni altra cosa, parlare dell’essere umano, di ciò che è stato e di ciò che l’essere umano del presente e del futuro è chiamato ad essere. Esso perciò nasce e si sviluppa come una sorta di grande viaggio indirizzato, prima di tutto, a scoprire chi è davvero l’essere umano.

Guarda anche

Marcianise / Caserta – Movida violenta, 5 giovani condannati: 6 anni “fuori dai locali”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Marcianise / Caserta – Il Questore della Provincia di Caserta  ha emesso cinque provvedimenti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.