Ultim'ora

PIETRAMELARA – Consiglio comunale, Di Fruscio alla minoranza: impegnatevi di più

Pietramelara – “In apertura della seduta in ordine alla richiesta inoltrata in data 28.11.2022 alle ore 12,36 (prot. 9478) a firma del Consigliere Comunale Ragioniere Andrea De Ponte, relativamente al rilascio di copie degli atti in discussione nel consiglio Comunale del 29.11.2022, ritengo necessario rappresentare al Consiglio che il regolamento di funzionamento del Consiglio Comunale prevede, all’art 7, che la consultazione degli atti iscritti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale avvenga mediante diritto di visione degli atti – previo deposito presso la segreteria del Comune  – con almeno 24 ore di anticipo rispetto alla seduta. Nella giornata di ieri il consigliere Comunale, ragioniere Andrea De Ponte, anche nell’interesse degli altri consiglieri di minoranza, alla presenza del responsabile dell’area affari generali, ha provveduto ad esercitare il predetto diritto, consultando liberamente le proposte e gli atti posti in discussione. Prova ne è che lo stesso firmatario della nota prot. n. 9478 citata, attesta che “non risulta alcun documento relativo al punto 8 dell’ODG”, oggetto di ritiro dall’ODG per le ragioni che si andranno ad esporre al momento della trattazione dell’argomento.
Dal contenuto della normativa regolamentare vigente si evince il riconoscimento in capo al consigliere comunale del previsto diritto di visione degli atti preparatori del documento amministrativo in via di formazione che, appunto, è stato esercitato compiutamente dal consigliere ragioniere De Ponte anche nell’interesse dei consiglieri dr. D’Ovidio, dr. Zannito e dr. Barriciello mediante delega, al predetto scopo.  Fermo quanto sopra, è doveroso rappresentare che con l’insorgenza della emergenza COVID a partire dall’anno 2020, allo scopo di limitare e ridurre occasioni di contatti personali dei consiglieri presso gli uffici di segreteria dell’ente è stata ulteriormente ampliata la facoltà dei consiglieri comunali mediante l’assegnazione delle credenziali della P.A. digitale con assegnazione delle credenziali del sistema URBI Smart “cruscotto amministratori” che permette a ciascun consigliere di prendere visione direttamente da casa di tutti gli atti posti in discussione per il consiglio facendo uso  di propria postazione da remoto. Quanto sopra determina un diritto di massima trasparenza e dai confini ancora più ampi rispetto all’ordinario diritto di accesso ai documenti amministrativi attribuito al consigliere Comunale in ragione del particolare munus pubblico espletato dallo stesso affinché questi possa valutare con piena cognizione di causa, magari facendosi assistere nell’occasione anche da persone più esperte, tutte le proposte e gli atti in elaborazione per la seduta del Consiglio.
A riprova del corretto funzionamento anche di tale strumento nella giornata odierna ho provveduto personalmente a verificare, unitamente al segretario Comunale il regolare inserimento nella piattaforma digitale URBI SMART cruscotto amministratori dove sono state correttamente depositate le proposte e tutti gli allegati. A più riprese è stata provato il corretto funzionamento e la piena funzionalità della piattaforma telematica.  Quanto sopra pone in evidenza come sia completamente priva di elementi e di presupposti fattuali la doglianza fumosamente agitata dai consiglieri, ragioniere De Ponte, dr. D’Ovidio, dr Zannito e avv. Barriciello, i quali hanno potuto ed hanno espletato la legittima facoltà consultare ed approfondire, senza alcun ostacolo e massima estensione le prerogative loro assegnate dalla legge e dal regolamento. Sembra piuttosto ragionevole ritenere, al cospetto della lettura degli atti, l’inesistenza di argomentazioni di merito per potere svolgere nel merito la funzione assegnata ai consiglieri di minoranza del loro ruolo di rappresentatività democratica.  Per quanto mi occupi nel ruolo di Presidente dell’assemblea credo opportuno invitare i componenti del Consiglio a svolgere le funzioni della democrazia rappresentativa con maggiore impegno, sviluppando proposte, eccezioni di contenuto, in Consiglio Comunale, sede nella quale tutti i rappresentanti della comunità sono chiamati ad esprimere valutazioni pertinenti e proposte di merito senza abdicare al ruolo di garanzia democratica a maggior ragione quando il consigliere comunale appartenga alla minoranza istituzionalmente deputata allo svolgimento di compiti di controllo e verifica. (nota a cura del sindaco Pasquale Di Fruscio)

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

Vitulazio / Casagiove – Manlio muore in cantiniere, lavorava nonostante i suoi 70 anni: denunciato imprenditore

Vitulazio / Casagiove – Nonostante i suoi 70 anni era ancora al lavoro, probabilmente aveva …

8 commenti

  1. Come diceva un amico “tant’anni miez a merd e ancora nun puzzi” per dire tanti anni che ti occupi di una cosa e ancora non ci capisci niente. Sono ormai quasi vent’anni che l’oppositore è “Uomo Politico” eppure fa ancora questi errori. Forse è per questo che in vent’anni non è riuscito ancora a fare il sindaco.

  2. L’inconsistenza della minoranza fa paura. Non presentarsi al consiglio è come dire non me ne frega un c…. Dei miei elettori.

  3. “NOI LE CARTE CE LE LEGGIAMO” si urlava sul palco durante la campagna elettorale. Mi sa proprio che non le sapete o non le volete leggere. Come disse il sindaco, sempre dal palco, “ci deve essere qualcuno che gli consiglia come fare brutta figura”. Arritratv.

  4. Mi dispiace solo che i giovani dell’opposizione, i quali potrebbero avere un futuro politico davanti a loro, non si accorgano di quanto male ricevono dal loro capo gruppo. Non vedono che rischiano di bruciarsi completamente al seguito di uno che si è già bruciato gia da tanto tempo e continua, indifferente alle sconfitte e alle pessime figure, sempre sulla stessa linea. Un consiglio di cuore , lasciatelo perdere. Abbandonatelo se siete solo un poco intelligenti e lungimiranti. De Ponte non potrà avere mai un ruolo politico, non potrà mai avere un futuro in Comune, voi siete giovani e se vi smarcate subito da lui vi potete salvare, né uscite a testa alta e potete cominciare a costruire un nuovo percorso politico per la città. Domani è’ già troppo tardi.

  5. Scusate ma perché lo chiama Ragioniere, De Ponte non è laureato? Ho visto invece che ai giovani li chiama dottori, allora loro sono tutti laureati? Complicanze ai giovani!! Secondo me, pure io ho il diploma da geometra però, non è che De Ponte ha una forte dimestichezza con i nuovi sistemi informatici, forse è meglio che la prossima volta le carte le faccia controllare ai Dottori, forse essendo più giovani e avendo studiato un po’ in più riescono a destricarsi un po’ meglio in questi sistemi innovativi. Non è colpa di De Ponte, lui le scuole oramai le ha finite tanti anni fa, mica può stare lì ad aggiornarsi sempre??? Comunque in ogni caso io credo molto nei tre giovani Dottori

  6. Da quanto correttamente esposto dal Sindaco, il cittadino rimane basito davanti a tanta superficialità ed incompetenza, nonostante il ragioniere e i dottori. Dovrebbero frequentare un corso accelerato e studiare………..
    Non è più consentito che autorevoli sprovveduti frequentino le sedi istituzionali. Potrebbero stare a casa e fare meno danni.

  7. E questi quattro incompetenti dovrebbero rappresentare l’opposizione?
    Mi facciano il piacere di starsene a casa!

  8. Ma lo volete capire o no che alla gente che vi ha votato, minoranza e maggioranza, non gliene importa niente se le carte se le legge, se gliele avete fatte vedere, se non gliele avete fatte vedere, se ci sono dottori o pescivendoli a leggerle… la gente vuole sentire che un giorno un consigliere ha fatto una bella proposta per migliorare il paese, per migliorare la sua vita, per farlo sentire parte di una comunità ecc… Tutte cose a cui dovrebbero pensare sia dalla maggioranza che dalla minoranza. Certo che ad essere sincero una scarsa importanza alle esigenze della gente viene soprattutto da uno di questi personaggi, uno che dall’alto della sua nobiltà quanto vuoi che se ne importi di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *