Ultim'ora

Comprare casa a New York: consigli per l’acquisto

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

L’idea di avere una casa di proprietà a New York è allettante e se fino a qualche tempo fa sembrava un’utopia, visti i costi decisamente elevati, il trend dei prezzi in calo sugli immobili oggi offre eccellenti opportunità di investimento.

Da qualche anno, infatti, la discesa dei prezzi continua ad essere costantemente in calo e offre la possibilità di fare grandi affari nella Grande Mela, fino a qualche tempo fa inimmaginabili.

Gli esperti hanno individuato nel mese di gennaio di quest’anno il punto più basso del valore degli immobili, e l’attenzione degli investitori che sono alla ricerca delle migliori opportunità si fa sempre più alta.

Come fare per individuare le occasioni più ghiotte e quali sono i quartieri dove c’è la possibilità di acquistare risparmiando cifre notevoli sul reale valore dell’immobile? Ecco alcuni consigli per comprare casa a New York.

Acquistare in condo o in co-op?

Una delle prime cose da considerare nell’acquisto di una casa a New York è scegliere la tipologia di investimento che si intende fare. Infatti, sono due le categorie principali secondo le quali vengono classificati gli immobili, condo e co-op.

Acquistare in condo vuol dire avere la piena proprietà dell’immobile e la libertà di poterlo affittare o gestire secondo le proprie preferenze senza interferenze da parte di alcuno.

Acquistare in co-op vuol dire invece acquistare una quota, proporzionale alla metratura dell’appartamento, in una società che è proprietaria a sua volta dell’immobile e tu ne diventi socio.

L’immobile non è dunque di tua proprietà, ma ne possiedi una quota. E’ importante sottolineare che a New York la maggioranza degli edifici sono co-op e vengono amministrati da consigli d’amministrazione che si occupano di prendere tutte le decisioni per la loro gestione.

In quali zone ci sono migliori opportunità

Le direttive per individuare le opportunità migliori nell’acquisto di una casa a New York arrivano da fonti ufficiali, che riconoscono ottime occasioni nella zona di Manhattan. I prezzi degli appartamenti in quella che viene definita una delle più belle della Grande Mela negli ultimi tre anni hanno registrato un ritmo di caduta annuale del 3,3%.

Sempre fonti ufficiali attestano che negli ultimi due anni è aumentata la percentuale di proprietà immobiliari finite sul mercato. Le zone da tenere d’occhio sono Harlem e l’Upper East Side, ma si trovano ottime opportunità anche nel’Upper East e nel Midtown Financial District .

Anche molte zone di Brooklyn sono sotto l’attenzione degli investitori e ci sono anche qui ottime possibilità di concludere degli ottimi affari, come ad esempio a Brooklyn Heights, che con le sue vie alberate e le caratteristiche townhome rappresenta un’ottima alternativa a Manhattan.

I prezzi degli immobili sono decisamente più bassi e considerato il trend in calo si trovano occasioni molto vantaggiose. Ovviamente i costi dipendono anche dalla tipologia di casa o di appartamento che desideri acquistare, e muoversi prima che il mercato inizia il trend di controtendenza. Al momento è possibile confermare un totale complessivo di sconto del 20% rispetto ai dati ufficiali di vendita di due o tre anni fa, ma bisogna affrettarsi.

 

 

 

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

SANNIO – ECOTURISMO, IL TERRITORIO SANNITA CANDIDATO A DIVENTARE UNA CAPITALE VERDE EUROPEA

Tempo di lettura stimato: 3 minuti SANNIO – “ Il Sannio è una realtà sana, immersa nel verde, non densamente popolata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.