Ultim'ora

Roccaromana – Incendiata l’auto della Bringatessa Longo, probabile attentato. Indagano i carabinieri

Roccaromana – Le fiamme, durante la notte appena trascorsa, hanno avvolto e completamente distrutto la vettura di Vittoria Longo, conosciuta come la Brigantessa per il suo impegno in favore della causa Borbonica e, soprattutto, per il ripristino della verità storica sull’invasione e il saccheggio subito dal nostro Meridione ad opera del colonizzatore Piemontese. L’auto, praticamente nuova, era ferma davanti l’abitazione della professoressa. Pochi i dubbi sull’origine dolosa del rogo. Saranno i carabinieri della stazione di Pietramelara a chiarire ogni aspetto della vicenda.
La professoressa Vittoria Longo, conosciuta come la brigantessa di Statigliano, frazione del Comune di Roccaromana,  scrittrice e ricercatrice, apprezzata per le sue pubblicazioni sul Risorgimento e il Brigantaggio, e per il suo romanzo “Come un chicco di grano”,  dopo aver subito una serie di avvertimenti e minacce più o meno velati, come lei ci dice, sarebbe  stata oggetto di un atto dal sapore chiaramente intimidatorio: la sua auto, parcheggiata dinanzi casa, nel terreno recintato e chiuso  di sua proprietà,  questa notte è bruciata, forse  data alle fiamme da ignoti.
Da noi rintracciata e interpellata, la brigantessa ci ha detto di essere stata informata dell’accaduto e   che sono in corso le indagini da parte dei Carabinieri prontamente intervenuti sul posto;  lei si trova attualmente fuori, ma che, alla notizia del fatto, ha già predisposto tutto per il suo immediato rientro.
La professoressa e il suo compagno, nei mesi scorsi, pare siano stati oggetto di intimidazioni, offese e minacce, aggressioni e tentativi di tamponamenti  volti a far perdere il controllo della vettura.
Su questi fatti, però,  non ha voluto fornire altre informazioni, perchè sono già in corso indagini a seguito di denuncia querela.
Senza collegamenti  e/o  responsabilità,  ma soltanto come consequenzialità temporale, ci dice che tutto sarebbe iniziato dopo alcune sue prese di posizione nei confronti delle modalità di conduzione della mensa scolastica, del mezzo di trasporto utilizzato e dei locali ad essa adibiti.
Se il fatto avvenuto dovesse essere doloso, come a primo acchito appare, è bene che le forze dell’ordine stronchino fin dal loro apparire questi fenomeni, andando ad individuare il responsabile. Tra l’altro, dalle notizie che ci giungono,  il fatto sarebbe successo dopo le ore 2,30 di questa mattina e, alla temperatura della nottata, certamente non apparirebbe probabile che possa trattarsi di autocombustione.
Prima di lasciarci, al telefono, la professoressa ha voluto precisare che qualora, come appare, si tratti di un attentato intimidatorio, esso non ha sortito altro effetto che rafforzare le sue convinzioni sulla legalità e sulla trasparenza, perchè come  il Giudice Borsellino  docet: “chi  ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”.
Alla domanda  se avesse dei sospetti,  lei ha risposto: “ I sospetti?”  Io potrei avere anche  delle certezze, ma spetta al magistrato leggere i verbali, le carte e le testimonianze e dare le risposte.  Confermo, da educatrice, tutta la mia  fiducia nelle forze dell’ordine e nell’operato della Magistratura.
Una sola cosa, in ogni caso voglio precisare,  se dietro i fatti successi  ci dovesse essere un tentativo  di chiudermi la bocca dinanzi a soprusi , intimidazioni e malefatte  e ridurmi al silenzio, allora, potete scriverlo a chiare lettere,   questa finalità non è stata conseguita, anzi…”.
Alla professoressa va la solidarietà, certamente  necessaria in questa circostanza, di tutti i cittadini onesti di Statigliano, consapevoli  che fatti di questo genere mettono a dura prova gli onesti e quanti credono nella giustizia, ma, tuttavia, servono anche da sprone a non arrendersi alle intimidazioni.

© Paesenews.it Tutti i diritti sono riservati . Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale. Le pubblicita' sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    Ischia / Pignataro Maggiore / Vitulazio – Terremoto, l’impegno del vescovo Lagnese fra la gente

    Stampa ArticoloIschia / Pignataro Maggiore / Vitulazio (di Libera Penna) – È appena giunta in ...

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il numero mancante: Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.