Ultim'ora

Sparanise – Comune sciolto per camorra: l’avvocatura della Stato smonta la difesa di Spinosa

Sparanise – L’avvocatura Distrettuale della Stato ha presentato, nei giorni scorsi, le proprie contro deduzioni in replica alle memorie difensive presentate in precedenza dall’ex sindaco Salvatore Martiello, l’ex vice sindaco Vitaliano Ferrara e l’ex assessore Mirella Spinosa, tutti davanti al giudice che dovrà decidere sulla loro futura incandidabilità. In particolare, sulla posizione dell’ex assessore Spinosa, l’avvocatura dello Stato afferma che “Mirella Spinosa, oltre ad avere legami di parentela con soggetti controindicati ai fini antimafia, rivestiva contemporaneamente il ruolo di consigliere, assessore e coordinatore delle cooperative “Consorzio Nestore” e la consorziata “Sole che Ride”, recentemente raggiunte da provvedimento interdittivo antimafia nonché già oggetto della predetta indagine della DDA di Napoli sul Terzo settore. Le argomentazioni dedotte appaiono destituite di fondamento, in quanto la circostanza che non sia stato riscontrato alcun atto di interferenza trova giustificazione logica nel fatto che la Spinosa ha assunto la carica di assessore soltanto a seguito delle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021. Né, del resto, appare dirimente la circostanza che Mirella Spinosa, nel gennaio 2023, abbia avviato la separazione consensuale dal marito. Infatti, al momento degli accertamenti della Commissione di accesso e sino alla data dello scioglimento dell’ente, il rapporto coniugale era sostanzialmente in atto e, la rescissione ex post del legame di parentela non appare idonea ad arginare il pericolo di infiltrazione mafiosa per come apprezzato in quel frangente temporale.

Guarda anche

TEANO – Imbianchino cade dal balcone e finisce sull’amico: entrambi miracolati

TEANO – Per fortuna le persone coinvolte nei fatti non hanno riportato particolari conseguenze.  I …