Ultim'ora

TEANO – Monastero di Santa Caterina: tra arte e immondizia.

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

TEANO (di Americo Balasco) –  Il monastero di Santa Caterina fu fondato il 22 aprile 1554 dalla principessa di Teano Clarice Orsini, ma la comunità monastica vanta origini ben più antiche, avendo accolto nei secoli le comunità degli altri monasteri benedettini teanesi soppressi di Santa Reparata e Santa Maria de Foris, entrambi di fondazione longobarda. Ma la principessa Clarice di certo non immaginava che questo monastero diventasse il punto di riferimento delle persone incivili. “Vado a buttare l’immondizia vicino la chiesa di S.Caterina”. E’ questa la frase che sembra dire la moglie al marito, mentre si accinge ad aprire la porta e a incamminarsi verso il solito posto, dove depositare il proprio sacco di immondizia. Un gesto che si ripete ormai da molti anni.  La raccolta dei rifiuti, diventata impeccabile sotto l’aspetto della puntualità, sembra non aver scoraggiato alcune persone che continuano a depositare i propri rifiuti rigorosamente non differenziati, in molti punti della città diventati ormai il simbolo dell’inciviltà e dell’indifferenza.  All’ingresso di viale S.Antonio, un signore dall’aspetto distinto (ma solo di aspetto!) di mezz’età, sembra aver preso di mira il contenitore per la raccolta degli abiti usati, e con fare disinvolto, deposita a tutte le ore, tanti piccoli sacchetti di immondizia uno sopra l’altro. Dall’atteggiamento sembra dire: “Io posso!”. Ma questo suo atteggiamento ha dei complici. Il primo ha le spalle larghe, la barba bianca, poca vista ma non porta gli occhiali: si chiama omertà. Il secondo è donna, di bell’aspetto, attraente, porta la cravatta, ci vede benissimo ma ha sempre da fare: si chiama indifferenza. Complice poi la mancanza di multe e i cittadini perbene, quelli che rispettano le regole della raccolta differenziata, sono costretti a vivere quotidianamente in una città gioiello dell’archeologia con sacchetti dei rifiuti depositati ovunque per colpa di questi incivili.  Sarebbe il momento di contrastare fortemente questo fenomeno, anche perché l’azione di questi signori dall’aspetto distinto potrebbe essere dolosa e non dettata solo dall’ignoranza ma essere la conseguenza di una delusione post-elettorale.

Guarda anche

DRAGONI / MILANO – 40 ANNI DALLA SCOMPARSA DI CARLO BUONANTUONO, IL COMUNE DI MILANO RICORDA L’AGENTE UCCISO DAI TERRORISTI DEL NAR

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / MILANO – Il comune di Milano, mediante una manifestazione commemorativa, ha ricordato il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.