Ultim'ora

TEANO / CASTELFORTE – Tragica gelosia, Molinaro ricusa il giudice: processo sospeso

TEANO / CASTELFORTE – Attraverso i propri legale, l’imputato Giuseppe Molinaro, di San Marco di Teano, ha proceduto a presentare una istanza di ricusazione del giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Cassino, Massimo Lo Mastro. Quest’ultimo non ha potuto far altro che rimettere gli atti alla Corte d’Appello di Roma che fisserà una udienza camerale dove si discuterà la ricusazione, presentata per una presunta incompatibilità. Secondo i legali, da ciò che trapela, l’incompatibilità sarebbe dovuta a determinate affermazioni fatte dal magistrato cassinate. Nel caso in cui la Corte d’Appello dovesse accogliere l’istanza, il procedimento sarebbe assegnato a diverso giudice; in caso di rigetto dell’istanza di ricusazione, lo stesso procedimento tornerebbe di nuovo di fronte al giudice Lo Mastro.
Giuseppe Molinaro – difeso dagli avvocati Giampiero Guarriello e Massimo Tamburrino – ha scelto il rito abbreviato che permetterà, in caso di condanna, un forte sconto sulla pena. Molinaro aveva chiesto il rito abbreviato condizionato alla perizia psichiatrica e all’acquisizione di alcuni documenti, ma il giudice dopo una lunga camera di consiglio, con propria ordinanza, rigettò la richiesta e dispose il processo con il rito abbreviato ordinario.
L’omicidio avvenne alle terme di Suio, nel comune di Castelforte (in provincia di Latina) lo scorso 7 marzo 2023; l’ex carabiniere Giuseppe Molinaro  56 anni – di San Marco, frazione del comune di Teano – è accusato di aver assassinato il direttore dell’albergo Nuova Suio, Giovanni Fidaleo di San Giorgio a Liri e di aver ferito gravemente Miriam Mignano, la donna di Castelforte con la quale l’ex militare aveva da poco tempo concluso una relazione sentimentale. La famiglia Fidaleo, costituitasi parte civile, è rappresentata dagli avvocati Costanza De Vivo e Raffaele Panaccione. Parte civile anche Miriam Mignano, con l’avvocato Giuliana De Angelis.

 

Guarda anche

TEANO – Impianto rifiuti ex Isolmer, i ricorrenti rinunciano alla sospensiva

TEANO – Oggi, dieci giugno 2024, davanti ai giudici del Tar della Campania, si dovevano …