Ultim'ora

TRADITO DALL’AMORE PER IL SUO CANE: ARRESTATO RAMPOLLO DEL CLAN DI LAURO

Il cane che ha consentito a militari dell’arma di incastrare il latitante è un bull terrier che i carabinieri conoscono bene: quando l’hanno riconosciuto, pattugliando le strade di Castel Volturno, hanno capito che il latitante, sfuggito al blitz anticamorra scattato prima di Natale, era da quelle parti. E’ stato l’affetto per il suo cane a incastrare Francesco Abbinante, il 25enne rampollo e reggente dell’omonima famiglia malavitosa di Secondigliano, una volta affiliata al potente clan Di Lauro. I carabinieri della compagnia di Napoli Stella, coadiuvati nella fase esecutiva da quelli del Nucleo Investigativo di Napoli, al termine di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, l’hanno rintracciato a Castel Volturno, in provincia di Caserta.    Le attività di ricerca dei militari si sono concentrate su una villetta nei pressi della quale era stato visto il cagnolino: per molti giorni, però, non vengono riscontrati segnali della sua presenza.  Non è la prima volta che a incastrare un latitante è l’amore per gli animali: analoga, infatti, è la storia dell’arresto di Luigi Cacciapuoti, assicurato alla Giustizia nell’agosto del 2023. Anche in quell’occasione fu un cagnolino a indicare agli investigatori il covo del ricercato.  La famiglia malavitosa degli Abbinante è stata protagonista delle sanguinose faide che a Scampia hanno mietuto centinaia di morti.

Guarda anche

VAIRANO PATENORA – Artigiano stroncato in pochi giorni, la comunità piange Gaetano

Vairano Patenora – Pochi giorni fa, una ventina circa, ha avvertito un malessere. Prima la …