Ultim'ora

CELLOLE – Omicidio Caprio, verso la chiusura dell’indagine. Gentile: sono innocente

CELLOLE – Presto la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere potrebbe chiudere le indagini nate dal delitto di Pietro Caprio. Successivamente potrebbe chiedere il processo immediato a carico dell’anziano indagato. Lui, il presunto assassino, Angelo Gentile continua a dichiararsi innocente. Attraverso il suo legale di fiducia, l’avvocato Gabriele Gallo, proclama la sua innocenza, continua ad affermare di essere vittima di un errore giudiziario e che non aveva alcuna ragione per uccidere il suo amico Pietro Caprio.
I risultati delle analisi eseguite dai carabinieri del RIS stringono il cerchio intorno all’uomo accusato di aver ucciso e bruciato Pietro Caprio. Sul cappello di Angelo Gentile – cappello che indossava il giorno del delitto – sono state trovate abbondanti tracce di polvere da sparo. Le analisi, quindi, sono una conferma importante alle ipotesi accusatorie mosse dai carabinieri del nucleo operativo, guidati dal capitano Russo, a carico dell’82enne agricoltore di Cellole. Le indagini, coordinate dai Procuratori Fiore ed Esposito, hanno sempre puntato l’indice contro Angelo Gentile, ritenendolo unico responsabile dell’atroce delitto consumato lo scorso 4 novembre 2023 in una zona periferica della rinomata località turistica Baia Domizia.

Leggi anche:

Cellole – Omicidio Caprio: spunta la pista dell’usura. Le telefonate periodiche di Gentile ad alcuni amici. Il mistero degli assegni

CELLOLE – Il professore ucciso con un colpo di fucile nel fianco destro (il video del testimone)

CELLOLE – Ucciso e bruciato nella sua auto, la svolta potrebbe arrivare dai tabulati telefonici

CELLOLE – Omicidio Caprio, i vigili del fuoco assicurano: nell’auto di Gentile nessuna traccia di liquidi infiammabili

CELLOLE – Ucciso e bruciato nella sua auto, i giudici del riesame: non c’è stata premeditazione

CELLOLE – Professore ucciso e bruciato: domani il riesame per Gentile. Tutti punti deboli dell’accusa 

Guarda anche

MONDRAGONE – Municipio, la storia di Christian: costretto a denunciare la burocrazia ostile e il disservizio

MONDRAGONE – Oggi Christian Acciardi è stato costretto a recarsi presso la stazione dei carabinieri …