Ultim'ora
Pietro Caprio

CELLOLE – Il professore ucciso con un colpo di fucile nel fianco destro (il video del testimone)

CELLOLE – Raggiunto da un colpo di fucile al fianco destro. Così sarebbe stato ucciso Pietro Caprio. Il riscontro sarebbe stato possibile grazie ad un esame TAC eseguito, su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, sui pochi resti del cadavere, trovati nell’auto data alle fiamme dall’assassino del 58enne cellolese. Il fuoco avrebbe praticamente divorato gran parte del corpo; secondo i riscontri fatti dai militari dell’arma della compagnia carabinieri di Sessa Aurunca, il cadavere era sul sedile di guida (sedile reclinato). (guarda il video con l’intervista)
Di quel corpo restano solo le ossa delle braccia, delle gambe e l’arcata dentale inferiore. Questi resti sono stati riconosciuti in Pietro Caprio grazie ad una protesi che l’uomo teneva impiantata sul collo del femore; protesi impiantata diversi anni prima in conseguenze di una grave malattia che aveva colpito l’uomo. Serviranno, quindi, ulteriori accertamenti per avere la conferma sull’identità dei resti ritrovati in quell’auto. Così come serviranno ulteriori indagini tecniche per capire se le tracce evidenziate dall’esame Tac siano effettivamente attribuibili ad un colpo di fucile. Per quel delitto è stato arrestato Angelo Gentile, anziano del posto. (guarda il video con l’intervista)

 

Guarda anche

RIARDO – Discarica intercomunale di rifiuti, tante ombre. Ferrarelle chiede ai giudici di cancellare il progetto: mette in pericolo le sorgenti

RIARDO – L’azienda Ferrarelle ha promosso un ricorso presso il TAR Campania contro il progetto …