Ultim'ora

Cellole – Omicidio Caprio: il giallo delle telefonate della coppia

Cellole – Una coppia cellolese, di mezza età, telefonava ogni giorno, più volte al giorno, a Pietro Caprio, l’uomo trovato, lo scorso 4 novembre 2023, ucciso e carbonizzato all’interno della sua auto. Le telefonate, stranamente, si interrompono qualche giorno prima del delitto. Come mai? Mera casualità? Oppure precisa strategia? Saranno le indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Sessa Aurunca a tentare di spiegare i rapporti fra la coppia cellolese e la vittima.
Intanto, nei giorni scorsi si è svolto l’esame tecnico – non ripetibile – sul telefonino di Caprio, i tecnici della Procura analizzeranno il secondo telefonino, un Huawei Y7, che da qualche tempo Pietro non utilizzava più avendo acquistato un Iphone che il giorno del delitto portava con se, quindi fu  distrutto nel rogo che consumò auto e corpo della vittima. L’esame tecnico del cellulare potrebbe permettere agli investigatori di scoprire aspetti segreti della vita del professore e chiarire quindi anche aspetti del delitto. Le indagini sull’assassino di Pietro Caprio, 58enne di Cellole, vanno avanti e gli investigatori avrebbero scoperto novità importanti. Al momento vige il massimo riserbo sui risultati raggiunti dall’inchiesta condotta dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile, guidati dal capitano Russo, della Compagnia di Sessa Aurunca che hanno arrestato, nell’immediatezza dei fatti, il presunto assassino, Angelo Gentile, 82enne di Cellole (difeso dall’avvocato Gabriele Gallo). L’indagato continua a negare ogni responsabilità e si professa innocente.
I due, la vittima e il presunto assassino, si frequentavano e si sentivano spesso. Era un rapporto “strano” considerata la differenza di età e soprattutto i differenti stili di vita. L’ultima telefonata fra i due è avvenuta poco dopo le ore 12 del giorno 4 novembre 2023. Pietro prende in mano il suo cellulare e compone il numero del telefono di Angelo. Il telefono squilla, diverse volte, ma non ci sarà alcuna riposta. Poi, alle 14e21 dello stesso giorno i due passano a bordo delle rispettive vetture sotto una videocamera di sorveglianza ed entrano in una stradina di campagna. Pochi minuti dopo, alle 14e37 l’anziano torna a casa, Pietro Caprio sarà trovato ucciso e bruciato nella sua auto, in un campo non lontano dall’abitazione di Angelo Gentile.

Leggi anche:

Cellole – Omicidio Caprio: spunta la pista dell’usura. Le telefonate periodiche di Gentile ad alcuni amici. Il mistero degli assegni

CELLOLE – Omicidio Caprio, i RIS incastrano il killer: polvere da sparo sul cappello di Gentile

CELLOLE – Il professore ucciso con un colpo di fucile nel fianco destro (il video del testimone)

CELLOLE – Ucciso e bruciato nella sua auto, la svolta potrebbe arrivare dai tabulati telefonici

CELLOLE – Omicidio Caprio, i vigili del fuoco assicurano: nell’auto di Gentile nessuna traccia di liquidi infiammabili

CELLOLE – Ucciso e bruciato nella sua auto, i giudici del riesame: non c’è stata premeditazione

CELLOLE – Professore ucciso e bruciato: domani il riesame per Gentile. Tutti punti deboli dell’accusa 

Guarda anche

CELLOLE – Accusato di dichiarazioni false rese alla polizia: assolto

CELLOLE – Ieri dinanzi al giudice monocratico presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere …