Ultim'ora
Francesca Compagnone e Vicol Ciprian

 Riardo / Teano / Pietramelara – Delitto Compagnone, dai telefonini la verità

Riardo / Teano / Pietramelara – La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha sequestrato i telefoni cellulari di Francesca Compagnia e di Vicol Ciprian, rispettivamente vittima e carnefice nella tragedia avvenuta lo scorso mercoledì notte in una villetta alla periferia di Riardo. Una tragedia che sconvolge la comunità riardese dove Francesca e la sua famiglia gestiscono un supermercato; la comunità di Pietramelara, paese della madre di Francesca; la comunità di Teano, paese del padre della 28enne. I periti informatici nominati dalla Procura dovranno analizzare la messaggistica fra i due ragazzi soprattutto per capire i rapporti personali fra Francesca e Vicol.
Lui, l’indagato, continua a sostenere che fra loro c’era semplicemente un rapporto di amicizia, null’altro. Alcune voci raccolte in paese, invece, parlano di un rapporto più profondo fra i due. L’analisi dei telefonini, quindi, sarà determinante soprattutto per la credibilità del 23enne Moldavo che lo scorso mercoledì notte ha imbracciato un fucile (del padre di Francesca) sparando un colpo al collo della 28enne. Una tragedia avvenuta in camera da letto di lei alle 22e30.

Leggi anche:

Riardo / Teano / Pietramelara – Francesca uccisa con un colpo di fucile: Vicol scarcerato: è completamente libero

RIARDO / TEANO / PIETRAMELARA – Omicidio Compagnone, lunedì l’autopsia sul corpo di Francesca

Riardo / Teano / Pietramelara – Francesca uccisa con un colpo di fucile, si aggrava la posizione di Vicol: ora l’accusa è di omicidio volontario

Riardo / Teano / Pietramelara – Tragico gioco, Francesca uccisa da un colpo di fucile

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso.

Guarda anche

CANCELLO ED ARNONE – ROTTURA DELL’ARGINE NELLA COMPAGINE DEL SINDACO AMBROSCA, DI PUORTO SI DIMETTE

Cancello ed ARNONE – Ambrosca inizia perdere pezzi. L’Assessore Annamaria Di Puorto consegna direttamente nelle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *