Ultim'ora
foto di repertorio

Francolise – Violenza in carcere, destino diverso per Mezzarano e Parisi. Le decisioni dei giudici

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Francolise / Santa Maria Capua Vetere – Destini diversi per i due poliziotti della penitenziaria coinvolti nello scandalo delle violenze contro i detenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. I giudici del tribunale del Riesame di Napoli, infatti, hanno confermato il carcere per Salvatore Mezzarano, 40 anni;  mentre Salvatore Parisi, 50 anni, è stato rimesso in libertà. Infatti, i giudici partenopei, accogliendo la richiesta del difensore – l’avvocato Dario Mancino – hanno annullato, per Parisi, l’ordinanza di custodia cautelare che prevedeva, per lui l’obbligo di dimora nel territorio del comune di Francolise.

La vicenda:
Le accuse, a vario titolo, contro gli indagati sono pesanti. Secondo la Procura furono quattro ore di inferno. Sono quelle vissute dalle 15 alle 19 del 6 aprile 2020 dai detenuti del reparto Nilo di Santa Maria Capua Vetere. Oltre cento persone ferite dalla spedizione punitiva organizzata per “ristabilire l’ordine” nella casa circondariale dopo le proteste dei detenuti del giorno precedente. Le indagini sono partite praticamente subito dopo quel tragico pomeriggio e la conferma di quanto fosse accaduto è arrivato dagli smartphone sequestrati. Nelle chat, dopo le violenze, era tutta un’espressione di gioia. “Non si è salvato nessuno” scrive un agente. “Abbiamo ristabilito ordine e disciplina” commenta un collega. “Oggi ci siamo divertiti al Nilo” aggiunge un altro.  Poi arrivano conferme dell’uso di manganelli in quella che, sulla carta, doveva essere solo una perquisizione straordinaria. Ma in realtà, come scrive il gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha firmato le 54 ordinanze cautelari, si è trattato “senza tema di smentita” di “uno dei più drammatici episodi di violenza di massa perpetrato ai danni dei detenuti in uno dei più importanti istituti penitenziari della Campania”, “un vero e proprio uso diffuso della violenza, intesa da molti ufficiali ed agenti di polizia penitenziaria come l’unico espediente efficace per ottenere la completa obbedienza dei detenuti”, nonché “una orribile mattanza”. Questo scrive la Procura della Repubblica che, nei giorni scorsi, ha presentato ricorso per nuovi arresti, ha presentato appello al Riesame contro la decisione del Gip di respingere alcune richieste di misure cautelari, come quella inflitta al provveditore regionale alle carceri Antonio Fullone, sospeso dal servizio perché accusato di depistaggio e favoreggiamento, per il quale erano stati chiesti i domiciliari. In tempi brevi, quindi, alcune delle guardie carcerarie indagate a piede libero potrebbero finire ai domiciliari o addirittura in carcere.

Leggi anche:

Dragoni – Carcerati massacrati di botte, indagati due poliziotti del paese. Uno sospeso dal servizio

Teano – “Macelleria Messicana” nel carcere di Santa Maria, orrori ed errori. Indagato anche un agente teanese

Tora e Piccilli / San Felice a Cancello – “Mattanza” nel carcere di Santa Maria, ex consigliere comunale indagato e sospeso dal servizio

Tora e Piccilli – Orrore al carcere di Santa Maria, agli arresti domiciliari poliziotto di Tora e Piccilli

Vairano Patenora – Torture nel carcere di Santa Maria: coinvolti due poliziotti vairanesi

Riardo / Pietramelara – Torture nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, 117 agenti indagati: anche un pietramelarese

 

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

MONDRAGONE – SCAPPANO ALL’ALT DELLE FORZE DELL’ORDINE, CARABINIERI COINVOLTI IN UN BRUTTO INCIDENTE STRADALE

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto MONDRAGONE – A seguito di un inseguimento i Carabinieri della stazione di Baia Domizia sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.