Ultim'ora
foto di repertorio

TEANO – Rissa a Pignataro Maggiore, giovane teanese in rianimazione

TEANO – Rissa a Pignataro Maggiore, un giovane di Teano avrebbe subito i danni maggiori. Ora sarebbe ricoverato in ospedale, in rianimazione. Da notizie ufficiose, in attesa di conferme, sarebbe stato ricoverato in rianimazione il ragazzo di Teano – Tommaso N. – che ieri sera è stato aggredito e pestato a sangue da due coetanei di Pignataro Maggiore. Alla base del litigio pare uno “sgarro” ad una ragazza, interpretato però dai tanti presenti solo come un atto di goliardia che in nessun modo potrebbe giustificare nemmeno lontanamente la ferocia con il quale è stato aggredito. Il giovane di Teano pare sia molto conosciuto in paese perché assiduo frequentatore di Pignataro Maggiore. Secondo alcune testimonianze il pestaggio sarebbe continuato anche quando la vittima, caduta a terra, avrebbe perso i sensi. Sul posto è intervenuto il 118 che ha prestato i primi soccorsi, trasportando poi il giovane in ospedale. Tutti appena maggiorenni i protagonisti di questa vicenda che, per come ci è stata riferita, non potrà che avere anche dei risvolti giudiziari importanti. La speranza, ora, è che il giovane di Teano si rimetta il prima possibile e senza riportare alcuna conseguenza.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Teano / Vairano Patenora – Migliori scuole della provincia: nell’Alto Casertano bene Alberghiero Teano e Professionale Vairano. Male tutte le altre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.