Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Istituto Marconi, la struttura “cade a pezzi” ma la dirigenza perde 700mila euro di finaziamento. Incredibile

L'isiss Marconi di Vairano Scalo
L’istituto Marconi di Vairano Scalo

Vairano Patenora – L’istituto Marconi ha urgente bisogno di manutenzione, la copertura fa acqua da più parti. I problemi ci sono e la dirigente, qualche anno fa, si è attivata per attingere a finanziamenti europei dedicati all’edilizia scolastica. Tre distinti progetti la cui somma supera i 700mila euro. Somme però mai utilizzate perché i progetti si sono “arenati”. Così il Ministero ha revocato (sospendendolo) i tre finanziamenti concessi nel 2012. Il risultato è stato che i disagi per gli studenti, i docenti e il personale tutto, continuano mentre i soldi necessari per risolvere le problematiche sono “sfumati”. Come mai? Chi non ha fatto bene il proprio dovere? La dirigenza scolastica o quella amministrativa? E’ colpa di qualche progettista?
Di certo, la scorsa estate, il Ministero della Pubblica Istruzione ha scritto al Marconi di Vairano Patenora una nota avente come oggetto: “Programmazione dei Fondi Strutturali europei 2007-2013-PON-FESR IT 16 1 PO 004 “Ambienti per l’apprendimento” – Asse II “Qualità degli ambienti scolastici”. Obiettivo C “incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche, l’ecosostenibilità e la sicurezza degli edifici scolastici; potenziare le strutture per garantire la partecipazione delle persone diversamente abili e quelle finalizzate alla qualità della vita degli studenti. Avviso Congiunto Prof AOODGAI/7667 del 15.06.2010 e s.m.i”.
Per comunicare la sospensione progetti C-1-FESR06_POR_CAMPANIA-2010-493 C-3-FESR06_POR_CAMPANIA-2010-408 C-4-FESR06_POR_CAMPANIA-2010-397

marconi-vairano-finanziamenti-persi

“Dall’analisi dei dati in possesso di questo ufficio, relativi al progetto finanziato con le risorse dell’Asse 2 Ob.C del PON in oggetto, emerge il grave ritardo nell’avanzamento delle procedure propedeutiche all’avvio dei lavori rispetto alle tempistiche indicate nella circolare Prot. AOODGAI 7667/2011 e nelle successive circolari autorizzative. Il ritardo accumulato appare di entità ormai non più recuperabile entro i tempi della programmazione 2007-2013. L’avvio tardivo del progetto comporterebbe l’elevato rischio che il completamento fisico e finanziario superi la data limite del 31 dicembre 2015, fissata dal Reg.(CE) 1083/2006 quale soglia per l’ammissibilità della spesa a valere sul FESR. In tale situazione, le spese sostenute non sarebbero più rendicontabili all’UE e rimarrebbero a carico dei bilancio dell’Istituzione Scolastica Beneficiaria.

Si informa, d’altra parte, che è in corso la predisposizione del PON FSE-FESR “ISTRUZIONE” 2014-2020 che prevede il finanziamento di interventi di riqualificazione degli ambienti scolastici, perfettamente in linea con quello finanziato a codesta Istituzione Scolastica. Entro il 2014 è prevedibile l’approvazione di tale Programma Operativo Nazionale e tale circostanza consentirà di valutare la possibilità di finanziamento del progetto nell’ambito del nuovo Programma, a condizione che non siano stati sostenuti costi precedentemente al periodo di ammissibilità della spesa del nuovo PON, ossia a partire da gennaio 2014 e fino alle scadenze che saranno definite nelle future disposizioni attuative.

Alla luce di queste considerazioni, per consentire a codesta Istituzione Scolastica l’effettiva realizzazione del Piano di Interventi con una tempistica coerente alla sua attuazione, questa Autorità di Gestione sospende il progetto indicato in oggetto e richiama l’attenzione sulla necessità di evitare qualsiasi azione che generi il sostenimento di costi in attesa di future comunicazioni.

Inoltre, nell’ambito della nuova programmazione, saranno ridefinite le procedure attuative dei progetti, in un ottica di semplificazione delle procedure di monitoraggio e di gestione finanziaria degli interventi

Sarà cura della scrivente AdG comunicare la possibilità di riavviare il progetto, laddove sussistano i presupposti per l’autorizzazione, a seguito della Decisione Comunitaria di approvazione del PON Istruzione 2014-2020. Contestualmente all’autorizzazione al riavvio del progetto, la scrivente Autorità di Gestione comunicherà le nuove disposizioni attuative a cui codesta Istituzione Scolastica dovrà attenersi nell’attuazione del Progetto. Si prega pertanto codesta Istituzione Scolastica, nel prendere atto dei contenuti della presente comunicazione , di volerne fornire riscontro solo laddove si rilevi l’effettiva presenza di una progettazione di livello esecutivo già approvata e non ancora inserita nella piattaforma “gestione interventi”.

Questa la nota con cui il Ministero ha certificato il mancato avvio dei progetti, revocando i fondi al Marconi di Vairano Scalo

 

 

 

Guarda anche

Capua – Scontro in autostrada: coinvolto motociclista

Capua – Il sinistro stradale è avvenuto poco fa lungo l’autostrada del Sole, in direzione …