Ultim'ora

Sparanise – Manuale per la raccolta differenziata con la pubblicità politica di Martiello: Commissari distratti, Cittadini indignati

Sparanise – Per molti cittadini è un autentico scandalo e si domandano: I Commissari interverranno? Oppure faranno finta di non vedere? E’ tutto regolare? Oppure qualcuno ha fatto il furbo a spese della comunità?
Il municipio di Sparanise prepara, stampa e distribuisce un piccolo manuale per educare alla giusta raccolta rifiuti. Vicino al logo del comune c’è il logo di Sparanise in Movimento, gruppo politico capeggiato dall’ex sindaco Salvatore Martiello la cui amministrazione è stata sciolta, lo scorso dicembre, per infiltrazione malavitosa.
I commissari nominati dal Ministero hanno mai visto quel manuale?
Si sono accorti della presenza del logo Sparanise in Movimento?
Chi ha pagato per la realizzazione e la stampa?
Se ha pagato il Municipio, allora, Sparanise in Movimento ha utilizzato soldi pubblici per promuovere la propria immagine. E anche questa non appare un buon esempio di legalità e di gestione della cosa pubblica.
In questi giorni addetti del comune, secondo alcuni cittadini il corpo di polizia municipale, starebbero distribuendo un manuale per indicare ai cittadini come effettuare correttamente la raccolta differenziata e il corretto calendario del conferimento. Una iniziativa lodevole, sicuramente, macchiata, purtroppo, da quel logo politico che non doveva sicuramente esserci, soprattutto dopo lo scioglimento dell’amministrazione comunale per condizionamenti della malavita organizzata. I Commissari interverranno? Oppure faranno finta di non vedere?

Guarda anche

Calvi Risorta – Capannone in fiamme, nube tossica sulla zona

Calvi Risorta – Improvvisamente il fumo si è levato verso il cielo e le fiamme …

un commento

  1. Forse erano già in possesso del Comune e quindi perché spendere soldi della comunità per stampare nuove copie? Sicuramente si poteva oscurare il logo incriminato in qualche modo, ma, chi ne trae beneficio? Nessuno credo, considerato che come riportato nell’articolo siamo commissariati, quindi dov’è lo scandalo?