Ultim'ora
FOTO DI REPERTORIO

Conca della Campania / Vairano Patenora / Roccamonfina – Rubarono 200mila euro di castagne, processo bloccato

Conca della Campania / Vairano Patenora – L’assenza di uno degli avvocati – un legittimo impedimento – ha costretto il giudice a rinviare tutto al prossimo dicembre. Nulla di fatto, quindi, nell’udienza prevista per oggi presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere a carico di due ex dipendenti della cooperativa Conca. Sul banco degli imputati Filippo Cubellotti e Mario Bernardino Cubellotti, quest’ultimo era componente del consiglio di amministrazione, socio della stessa, ed aveva un telecomando personalizzato per accedere all’opificio.  Nella costituzione di parte civile la cooperativa Conca ha chiesto il risarcimento dei danni valutati in 200 mila euro.

L’accusa:
Avrebbero rubato circa 200mila di castagne all’azienda in cui lavoravano. Furti costanti avvenuti nel tempo e facilitati dal rapporto di fiducia con i titolari. Furono le telecamere a circuito chiuso a risolvere il mistero. Grossi quantitativi di castagne rubate e rivendute a commercianti della zona che, probabilmente, non facevano tante domande sulla provenienza del prodotto. I responsabili di quei fatti vennero arrestati, in flagranza di reato, nel dicembre del 2016 e successivamente condannati. Le indagini hanno però evidenziato altri episodi precedenti che ora hanno generato un altro procedimento finito, pochi giorni fa, davanti al giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Il processo bis è nei confronti di Filippo Cubellotti, assistito dall’avvocato Vincenzo Cortellessa, e  Angelo Migliozzi assistito dall’avvocato Leopoldo Zanni; e Mario Bernardino Cubellotti, assistito dall’avvocato Panaccione. La costituzione di parte civile è stata confermata dall’attuale amministratore della società, Giuseppina Santaniello, per la cooperativa Conca, difesa dall’avvocato Francesca Mastracchio. Una sostituzione resasi necessaria dopo il prematuro decesso di Tommaso Scalera. Per Migliozzi e Cubellotti Filippo il processo ha subito – già un anno fa – uno stralcio per un vizio procedurale, omessa notifica, e si procederà separatamente per la contestata ricettazione di 80 quintali di castagne. E’ stata respinta la richiesta avanzata dal difensore di Cubellotti Mario Bernardino che ha invocato la declaratoria di ne bis in idem (locuzione latina che tradotta alla lettera significa «non due volte per la medesima cosa»). Il giudice Maione ha dato ragione all’avvocato Mastracchio perché diversi, nel tempo, erano gli episodi di furto aggravato posti in essere ai danni della cooperativa Conca ed oggetto delle due diverse imputazioni. Quindi questo troncone del processo proseguirà solo per lui che ha già riportato una condanna ad un anno e 4 mesi per l’episodio avvenuto il 02 dicembre del 2016, quando venne tratto in arresto. Vi è dunque rischio di una nuova condanna per il Cubellotti Mario Bernardino.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Piedimonte Matese – Contratti cancellati dai giudici del Tar, Civitillo: sarà fatto Appello. Ecco le ragioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.