Ultim'ora

Piedimonte Matese – Truffa allo Stato, abuso e omissioni d’atti d’ufficio: ex sindaco e impiegata rischiano il processo

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Piedimonte Matese – Le accuse mosse dalla Procura delle Repubblica di Santa Maria Capua Vetere sono gravi e pongono sempre lo stesso interrogativo: a cosa serve un segretario comunale? Non dovrebbe garantire l’applicazione delle leggi e delle norme? Non dovrebbe tutelare, contemporaneamente, cittadini, impiegati e gli stessi amministratori? Per fatti accaduti nel 2020 l’ex sindaco Luigi Di Lorenzo e una impiegata a tempo determinato, Nicolina Raviele, rischiano il processo. Le accuse, per Raviele, sono di Truffa ai danni dello Stato ed omissioni d’atti d’ufficio.
Le accuse per l’ex sindaco Luigi Di Lorenz
o sono abuso d’ufficio. La vicenda prende avvio con il decreto sindacale del luglio 2020 quando l’allora fascia tricolore nominò Floriana Raviele quale responsabile dei tributi, Floriana Raviele non era una dipendente comunale, bensì era impiegata a tempo determinato dell’Ambito Sociale C04. Inoltre, l’allora sindaco Luigi Di Lorenzo – secondo le accuse mosse dalla Procura della Repubblica – non avrebbe messo in campo tutte la azioni necessarie per impedire il maturare della prescrizione per il pagamento di alcuni tributi.
Nicolina Ravile è accusata di truffa ai danni dello Stato perché la stessa ha provveduto ad affidare il servizio solo a 4 giorni dalla scadenza delle notifiche accertamenti, consapevole del fatto che gli stessi non sarebbero stati notificati nei tempi previsti, nonché la sottoscrizione per conto dell’Ente del sopracitato contratto, stipulalo il 19 novembre 2019, tra il Comune di Piedimonte Malese e la società difforme rispetto ai servizi oggetto del bando di gara e riportati nel capitolo speciale. Inoltre, secondo la Procura della Repubblica, Nicolina Raviele avrebbe commesso Omissioni di atti d’ufficio atteso che ha mancato di predisporre l’aggiornamento degli indirizzi dei contribuenti, tale comportamento non ha permesso ai dipendenti di Poste Italiane di recapitare gli avvisi di accertamento ai destinatari. L’indagine della Procura è giù stata chiusa e presto potrebbe arrivare la richiesta di rinvio a giudizio a carico di Luigi Di Lorenzo e Nicolina Raviele.

Leggi anche:

Piedimonte Matese – Comune e affari ‘macchiati’: persi 100mila euro con 500 accertamenti falliti per mancata notifica. Ma la LM digitale incassa lo stesso. la Finanza indaga

Piedimonte Matese – IMU 2014, persi 100mila euro. 500 accertamenti indietro per mancata notifica. Ma la LM digitale incassa lo stesso

Piedimonte Matese – Municipio,  Di Lorenzo non bada a spese: paga oltre 15mila euro in più per lo stesso servizio

Piedimonte Matese – Riscossione TASI 2014, il “giallo” dell’affidamento società LMDigitale

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

Maddaloni – Temporali e danni nel casertano, viabilità interrotta sull’Appia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Maddaloni – Dopo giorni di caldo africano, il primo pomeriggio di oggi è stato caratterizzato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 + 13 =

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.