Ultim'ora

TEANO – Prete prepotente: auto con bimba malata bloccata per ore. Il prete: me ne frego!

TEANO ( di Antonio Migliozzi ) – “Se un laico dice una bugia è un peccato, ma se la bugia viene pronunciata dalle labbra di un sacerdote è ancora più bugia”. E’ così che ha iniziato il suo sfogo il 56enne G.C. di Teano. “Ho una delle mie figlie che ha bisogno di alcune cure particolari che, nelle vicinanze, vengono effettuate a pagamento presso una struttura in un comune limitrofo a quello di Teano. L’altra mattina, mentre attendevo che si facesse l’orario per poter accompagnare mia figlia per tale terapia, mi trovavo in sosta con la mia auto presso l’ampio parcheggio che si trova proprio davanti alla Cattedrale. Proprio quella mattina il piazzale era quasi deserto, ma al momento di avvicinarmi alla mia auto ho potuto notare che si trovava parcheggiata un’auto proprio dietro la mia, impedendomi un tal modo di poter uscire dal parcheggio”. A questo punto G.C. chiede informazioni su chi fosse il proprietario di quell’auto sentendosi rispondere che si trattava di un sacerdote che da poco si era recato all’interno del Vescovado. “Naturalmente suono al citofono del Vescovado per chiedere la cortesia di far spostare quell’auto che mi impediva di poter uscire. Si affaccia un sacerdote dalla finestra ma alla mia richiesta mi sento rispondere che il proprietario di quell’auto si trovava in riunione dal vescovo per cui non poteva essere disturbato. Questa risposta mi viene data anche una seconda volta quando, dopo un po’ di tempo ritento la cortesia. Per non dilungarmi troppo, dopo tanto tempo vengo a conoscenza che il sacerdote proprietario dell’auto non era in riunione dal vescovo ma bensì con degli imprenditori. Infatti, uno di questi imprenditori, mio amico, mi viene in soccorso spostando personalmente l’auto del sacerdote, anche se oramai in tutto questo frangente avevo perso la possibilità di portare mia figlia in terapia”. Intanto, oltre alla “bugia” del sacerdote affacciatosi alla finestra, il problema è sorto anche quando G.C. si è recato al Comando della Polizia Municipale, sentendosi rispondere che i pochi vigili a disposizione in giornata erano impegnati altrove, così come un amministratore ha risposto che non poteva farci nulla. “Mi sono sentito del tutto impotente, vedendo che nella mia città vige l’anarchia”. Oltre a qualche sacerdote….bugiardo.

Guarda anche

Pietramelara – Il termocamino prende fuoco, carabinieri e pompieri sul posto

Pietramelara – L’incidente è avvenuto qualche ora fa in un’abitazione ubicata lungo via Falcone, nel …

un commento

  1. Bisogna sapere chi è questo Prete e chiedergli spiegazioni in merito all accaduto