Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Gara acquedotto, Martone segnalò i sospetti: allarme inascoltato

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

VAIRANO PATENORA – Gara per l’acquedotto comunale, i consiglieri comunali di opposizione del gruppo Torre lanciarono un preciso allarme alla commissione di gara, segnalando proprio i sospetti che recenti vicende giudiziarie gettavano su alcune imprese partecipanti. Un allarme che è rimasto finora inascoltato.

Il documento:
I sottoscritti Consiglieri Comunali prendono allo della serietà e impegno con cui state esaminando gli atti della gara in oggetto, a testimonianza della vostra evidente professionalità e affidabilità, nel rispetto delle regole di Legge e tecniche. Proprio in ragione di tali richiamate qualità e in ragione degli ultimi scandali esplosi che stanne angosciando l’Italia, di cui la nostra zona non si può dichiarare immune, ci sentiamo in obbligo sottoporvi alcune valutazioni, svolgendo appieno la nostra funzione di Consiglieri Comunali nel quadro dell’art. 42 del TU/2000 che da in primo luogo poteri di controllo politico-amministrativo al Consiglio Comunale. Da un primo doveroso generale esame dei nominativi delle ditte che hanno partecipalo alla gara in oggetto, ci ha destato l’attenzione il fatto che tra le prime tre ditte in graduatoria utile risulta esservi la SITECO Srl e la GREEN IMPRESIT Srl. La prima fa parte del complesso sistema cooperativo unificato legalmente da CRCPL e CNCPL. alla pari della CPL Concordia, al centro dell’ultimo scandalo legato all’isola d’Ischia e al suo sindaco. La seconda risulta essere stata oggetto, dalla fine del 2013. di un provvedimento di sequestro giudiziario e collegalo procedimento penale con l’accusa di falso con l’approprio di ben 400.0006′ ai danni del Consorzio Unico di Bacino Napoli Caserta; notizia di cui ne è stata piena la stampa sia su carta che in Web.
Fatti che certo possono avere nessun valore nell’esame degli atti tecnici della gara in oggetto ne tanto meno ci permettiamo di formulare accuse o atti di discredito nei confronti delle ditte nominate, poiché potrebbe non avere alcun valore l’appartenenza al complesso sistema della CPL ed anche possibile che si sìa concluso positivamente il procedimento a carico della GREEN. Tuttavia ci ha destato una forte attenzione e valutazione il conoscere informalmente il fatto che risulterebbero eccessive e incomprensibili i valori di ribasso d’asta, inconciliabili con quelli ammessi dalla Normativa vigente, fino al punto di obbligare il possibile affidamento dei lavori alla successiva ditta in graduatoria utile. Attenzione e valutazione obbligatoria in seguito alla evidente domanda dì come, di grande e lunga esperienza, parte anche di un contesto organizzativo nazionale di grande efficienza tecnica ed economica, abbiano potuto commettere errori del genere, addirittura inconciliabili non già solo con la Normativa in vigore ma con un minimo di razionalità tecnica ed economica. Non è nostro intendo e volontà, come già sottolineato in precedenza, formulare sospetti o accuse o criminalizzare alcuno, ne tanto meno mettere in discussione la vostra imparzialità; è possibile ci sfugga anche la piena conoscenza delle nuove regole con cui vengono valutati gli ani di gara, o anche forse, presi da un possibile preconcetto politico, data la sconvolgente situazione nazionale che emerge ogni giorno. Abbiamo inteso sottoporvi queste valutazioni in seguito a una passata esperienza amministrativa, in presenza di altra Normativa sulle gare, che ci costringeva ad esaminare ed eliminare le richieste di invilo a gara che provenivano dallo stesso ufficio postale e lo slesso giorno, poiché sospettate di essere organizzate da unica ditta che in tal modo avrebbe determinato una media di ribasso a se favorevole e calcolata per aggiudicarsi l’appalto dell’opera. Non possiamo non nutrire il dubbio che tale tecnica di comodo e di affare non si sia evoluta scientificamente in relazione alle nuove procedure di aggiudicazione delle gare per consistenti lavori come quelli in oggetto.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

ROCCAMONFINA / TEANO –  CASTAGNA DI ROCCAMONFINA DIVENTA IGP, COINVOLTI 8 COMUNI

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto  Roccamonfina / Teano –  Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale europea di oggi la Domanda di registrazione …

2 commenti

  1. Ma a questo qualcuno lo ascolta ??????????

  2. E chi???? Dice solo bestialità senza ne capo ne coda!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.