Ultim'ora

Piedimonte Matese / Caserta – ASI, a Cappello non piace la nuova dirigenza e ricorre al tar. Con i soldi del comune. Tanto pagano i cittadini

Vincenzo Cappello

Piedimonte Matese / Caserta – Al sindaco Vincenzo Cappello non vanno proprio giù i nuovi vertici dell’Asi, consorzio fino a poco tempo fa guidato dal fratello Piero. E’ tanto “amareggiato” per l’elezione del nuovo presidente che ha ritenuto opportuno fare ricorso al Tar. Chiaramente tutto a spese del municipio di Piedimonte Matese, quindi dei cittadini che pagheranno l’avvocato scelto dalla macchina amministrativa piedimontese – Federica Lombardi, con studio legale in Sessa Aurunca – per opporsi allo “sfregio” consumato al Consorzio Asi. Almeno, lamentano in paese, visto che paghiamo noi cittadini, si poteva scegliere un professionista locale. Secondo Cappello, “si rende necessario promuovere ricorso, nella qualità di soggetto consorziato, contro il Consorzio ASI di Caserta, in persona del l.r.p.t., a seguito di provvedimenti adottati dal novembre 2014 che si ritengono illegittimi e, dunque, lesivi nei confronti di questo Ente (dove per ente si intende il municipio di Piedimonte Matese). In particolare, si intende agire dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale di Napoli per l’annullamento, previa adozione di idonee misure cautelari, di alcune deliberazioni adottate da diversi organi del Consorzio Asi nominati in assenza dei necessari presupposti di legge, consistenti in verbali e delibere di Consiglio generale comunque approvati nonché di tutti gli eventuali ulteriori atti adottati dagli organi consortili di nuova costituzione e dell’eventuale provvedimento regionale di nomina del proprio componente all’interno del Comitato Direttivo nonché di ogni altro atto presupposto connesso e conseguente. Per questo nomina l’avvocato Federica Lombardi, con studio legale in Sessa Aurunca, al Corso Lucilio, 208, affinché proponga ricorso al TAR Campania per l’annullamento degli atti adottati dal Consorzio ASI Caserta e sopra richiamati demanda all’Ufficio Affari Legali per la competente proposta deliberativa e la conseguente elaborazione di convenzione disciplinante l’incarico conferito secondo lo schema attualmente in uso”.

GUARDA IL DOCUMENTO RICORDO ASI

 

 

 

 

Guarda anche

TEANO – Le frazioni continuano ad inaridire: scarsità di acqua e pericolo biologico. Il caso Casafredda

TEANO – H20 “matrice e fonte di vita”, molecola principale per ogni essere vivente. Bene …

3 commenti

  1. Ma quale soldi del comune, questo paga coi soldi della 328.

  2. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/21/camorra-clan-zagaria-monopolizzava-appalti-allospedale-caserta-24-arresti/1356723/

    “Questi i nomi dei 24 arrestati: in carcere sono finiti Remo D’Amico, Elvira Zagaria, Antonio Magliulo, Raffaele Donciglio, Bartolomeo Festa, Vincenzo Cangiano, Orlando Cesarini (fratello dell’ex sindaco – anni 80 – di Piedimonte Matese Luigi), Domenico Ferraiuolo (segretario del partito democratico di Piedimonte Matese), Gabriele D’Antonio, Luigi Iannone; ai domiciliari, invece, sono finiti l’ex direttore generale Francesco Bottino, Salvatore Cioffi, Antonio Della Mura, Roberto Franchini, l’ex direttore amministrativo dell’Asl Caserta Giuseppe Gasparin, Mario Palombi, Angelo Polverino, Giuseppe Porpora e, infine, i dipendenti dell’ospedale Rocco Ranfone, Antonio Maddaloni (figlio dell’ex vice prefetto di Caserta Paolino Maddaloni, che fu candidato a sindaco dal centrodestra nel 2006 contro Nicodemo Petteruti) Paolo Martino, Giuseppe Raucci, Nicola Frese e Umberto Signoriello, che è stato anche assessore all’urbanistica della giunta di Maddaloni guidata da Antonio Cerreto.
    AGG. 8:43 – Sigilli alle srl Odeia e R.D. Costruzioni e a due ditte individuali: Luigi Iannone e Salvatore Cioffi. A undici dei 24 indagati è stato notificato un decreto di sequestro che ha riguardato, a vario titolo, 18 immobili, 11 terreni, un box auto, tre autovetture e diverse quote societarie”.
    7 min · Mi piace

  3. Con il mio grande amico pasquino mi trovo perfettamente d’accordo, anche perchè è l’unico commento utile e coraggioso che leggo. Infatti i soldi a sti poveracci della 328 nisba da un anno, nonostante il primo cittadino ne abbia la delega e invece si mungono i piedimontesi (che se lo meritano) attigendo i soldi per le sue rivalse personali dalle casse comunali. Bella roba!

    Ciao Pasqui, ci vediamo sotto casa mia per le solite 4 risate alle spalle di questo villaggio di millantatori. Capisc’ammè 😉