Ultim'ora
Foto di repertorio

CASERTA – Consorzio Rifiuti e licenziamenti, i sindacati chiedono la sospensione della delibera

CASERTA – Consorzio rifiuti e licenziamenti, i sindacati chiedono la sospensione dell’attuazione della delibera a firma del liquidatore (n.15 del 13 novembre 2013). “Le scriventi federazioni provinciali di Caserta, dubitando l’efficacia legale della delibera in oggetto, rappresentano l’ insoddisfazione della procedura attivata carente nel metodo ed imprecisa nel merito. Difatti, si evincono una serie di incongruità in corso di valutazione dei  corrispondenti uffici legali. Pertanto, considerato che sono vivi i termini utili al ricorso, si richiede l’immediata sospensiva dell’attuazione della delibera che acuisce le già forti tensioni  del personale provato dalle molteplici difficoltà economiche per il mancato pagamento degli  stipendi. Si coglie l’occasione per richiamare, tra le tante, le fondate perplessità formalizzate  dal Presidente della Provincia di Caserta verso l’anomala procedura”. Alcuni dipendenti del Consorzio Unico dei rifiuti a rsichio licenziamento. Infatti non sarebbero rientrati nel passaggio di cantiere. La Cisl diffida il Consorzio Unico di Bacino ad attivare le procedure di licenziamento. “La Fit-Cisl richiede che anche gli incolpevoli dipendenti del cantiere di Piedimonte Matese esclusi dal passaggio di gestione siano mantenuti in forza al CUB, in attesa degli sviluppi legislativi e vertenziali, mantenendo una posizione omogenea e non discriminatoria, tenuto conto che tutti gli altri casi simili non hanno prodotto licenziamenti di personale operativo, intercantiere, rd e amministrativo”.

Guarda anche

Raviscanina – Il mistero dei cani scomparsi, l’allarme  e la speranza

Raviscanina – E’ avvolta dal mistero la sorte toccata a diversi cani del paese, animali …