Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Travolto da un’auto, l’ultimo saluto a Luca

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

VAIRANO PATENORA (Antonio Migliozzi) – Si sono svolti nel pomeriggio di oggi (30 ottobre 2013), i funerali del giovane 28enne Luca Pallotta presso la Chiesa SS. Cosma e Damiano nella frazione Scalo di Vairano Patenora, celebrazione liturgica officiata dal parroco don Luigi De Rosa. Una folla di persone ha partecipato all’ultimo saluto rivolto a Luca, in maniera particolare da moltissimi giovani provenienti da tutti i paesi limitrofi. E proprio per poter offrire a tutti la possibilità di partecipare all’ultimo appuntamento terreno con l’amico Luca, don Luigi ha fatto attivare gli altoparlanti  all’esterno della chiesa.  Una omelia sentita e commossa da parte del sacerdote, rivolta principalmente alla povera madre di Luca, la quale qualche decennio fa ha già vissuto una tragedia simile con un’altra figlia.  Proprio a lei don Luigi, in maniera particolare, ha voluto affidare alla signora una speciale guida spirituale, affinché riesca a trovare la forza per continuare a vivere con uno sguardo sempre rivolto a Dio. Al termine della Santa Messa, le spoglie mortali di Luca Pallotta sono state portate in spalla fino alla Piazza Unità d’Italia, laddove lo stesso Luca preferiva intrattenersi con i suoi amici tra un divertimento e l’altro. Prima di continuare il corteo per il Cimitero di Marzanello, sono state librate al cielo alcune colombe bianche.

 

Guarda anche

CALVI RISORTA – Coronavirus, contagiato il vicesindaco

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto CALVI RISORTA (di Nicolina Moretta) – Il vicesindaco di Calvi Risorta, Giuliano Cipro, ha dichiarato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.