Ultim'ora

TEANO – San Francesco Caracciolo, le spoglie hanno fatto ritorno a Napoli

TEANO – Dopo quattro giorni di permanenza presso la Città Sidicina di Teano, lunedì 14 ottobre l’Urna di San Francesco Caracciolo ha fatto ritorno nel capoluogo di regione Napoli, dove le sue spoglie riposano dall’anno della sua morte, datata 4 giugno 1608.  In occasione del 450esimo anniversario dalla sua morte, il santo è stato “portato in visita” proprio a Teano, città che diede i natali a sua madre Isabella Barattucci, nobile teanese. Fondatore dei Chierici Regolari Minori e compatrono della Città di Napoli oltre ad essere patrono dei cuochi, nella mattinata di lunedì 14 ottobre i teanesi lo hanno salutato nella maniera più consona per un santo, con la celebrazione liturgica presso la Cattedrale, alla presenza del Proposito Generale dei caracciolini, dall’arciprete della Cattedrale don Tommaso Nacca, dal Vicario Generale della Diocesi di Teano – Calvi don Pasqualino De Robbio, dall’Archivista diocesano don Aurelio De Tora, dal direttore del Museo diocesano don Enzo Gravante e da tutti i sacerdoti delle parrocchie di Teano, oltre alla presenza tra i banchi dei fedeli del sindaco Nicola Di Benedetto, il vice sindaco Eluisa Monteforte e da Nicola caracciolo, discendente del santo ed Assistente Cuochi d’Italia. La Cattedrale di Teano, nella mattinata di lunedì è stata colorata tutta di bianco, divisa caratteristica degli allievi degli istituti alberghiero di Teano e Piedimonte Matese, i quali hanno partecipato con estrema attenzione all’intera funzione liturgica. (Antonio Migliozzi)

Guarda anche

Frignano – Soldi per far lavorare il figlio dell’amante: condannato “l’agente segreto del Vaticano”

Frignano – La prima sezione del tribunale penale di Napoli Nord presieduta da Stefania Amodeo, …