Ultim'ora

Neonata morta con un colpo alla testa, i genitori sotto processo

Santa Maria a Vico – Una neonata trovata morta in culla, gli esami medico legali accertano le ragioni del decesso con un colpo in testa. Sul corpo segni di scottature e mancanza di adeguate cure tanto che in oltre un mese di vita non era mai stata visitata da un pediatra. Per la morte di Aurora vennero arrestati i genitori Emanuele Savino e Anna Gammella (26 e 19 anni), mentre gli altri figli della giovane coppia vennero trasferiti in una casa famiglia dove stanno ricevendo tutte le cure e le attenzioni necessarie. Anna Gammella è incinta di 5 settimane.
Sarà processo per Emanuele Savino, 27 anni, e Anna Gammella, 20 anni, di Santa Maria a Vico, genitori della piccola Aurora Savino, la neonata trovata morta in culla nel loro appartamento a Santa Maria a Vico il 2 settembre 2023. È quanto disposto dal gip Maria Pasqualina Gaudiano del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio formulata dal sostituto procuratore Stefania Pontillo. Dovranno presentarsi verso la fine del mese di settembre in Corte d’ Assise.
La piccola, di meno di due mesi, fu trovata senza vita nella sua culla. I sanitari giunti sul posto riscontrarono la presenza di ustioni e segni come ecchimosi sull’addome, le gambe e i piedi della neonata. I genitori, riferirono ai carabinieri, che la bambina si era scottata durante un bagnetto la sera prima a causa di un getto di acqua bollente uscito per errore dal rubinetto. L’autopsia poi ha messo a nudo una serie di violenze subite dalla bimba. Il processo servirà a stabilire le responsabilità  e quindi infliggere le condanne.

Guarda anche

Bimba di 8 anni strappata alla vita, intera comunità in lutto

VILLA LITERNO.  “Il Paradiso ha un nuovo angelo a vegliare su noi. Purtroppo è di …