Ultim'ora

DRAGONI – Impianto Biometano, i giudici bocciano ancora il Municipio. L’autorizzazione di Cannavina è valida

DRAGONI – Comune sconfitto e condannato alle spese, pagheranno sempre i cittadini. Nuova sconfitta subita dalla macchina amministrativa dragonese guidata dal sindaco Antonella D’Aloia. I giudici del Consiglio di Stato di Roma, infatti, hanno emesso sentenza sul ricorso presentato dal municipio e del comitato “No biogas a Dragoni”; è stato respinto il ricorso contro regione Campania e Cannavina Biometano s.a r.l.s. per la riforma della sentenza del Tribunale amministrativo regionale per la Campania (Sezione quinta) n. 4763 del 7 agosto 2023. Il comune chiedeva la revoca dell’autorizzazione alla realizzazione dell’impianto, una richiesta nata dalla scoperta di una serie di abusi edilizi sull’area interessata dal progetto. Abusi edilizi successivamente eliminati con l’abbattimento da parte dei proprietari. I giudici del Tar di Napoli decisero che non esistevano le ragioni per la revoca richiesta dal municipio. Pochi giorni fa anche i giudici del Consiglio di Stato hanno confermato questa tesi bocciando il ricorso del municipio di Dragoni condannando lo stesso al pagamento delle spese processuali fissate in circa 5mila euro. In sostanza l’autorizzazione concessa dalla Regione alla Cannavina resta ancora valida.

Guarda anche

MONDRAGONE – Municipio, la storia di Christian: costretto a denunciare la burocrazia ostile e il disservizio

MONDRAGONE – Oggi Christian Acciardi è stato costretto a recarsi presso la stazione dei carabinieri …