Ultim'ora
Guido Di Leone e Giovanna Licenziato

CELLOLE – Lotta contro la violenza sulle donne, Di Leone “Licenziato”

Cellole – “La sottoscritta Giovanna Licienziato. Nella sua qualità di presidente dell’associazione Onlus denominata “il silenzio uccide” con sede in Via Nazario Sauro in Mondragone, preso atto che con delibera del 06/07/2023 da parte di questo spett.le Comune che riconosceva un patto d’intesa con la mia associazione, per fini sociali in aiuto delle donne vittime di stalking e maltrattamenti in famiglia, nonché la promozione di eventi sempre sugli stessi argomenti;
a seguito di alcun eventi che hanno interessato la stampa a livello nazionale per il coinvolgimento in fatti di cui l’associazione si dissocia, poiché gli interessati sono dipendenti ed amministratori locali, è costretta a chiedere di voler rinunciare ai diritti e agli obblighi derivanti dal patto d’intesa. Per tutto quanto sopra, nella mia qualità di presidente dell’associazione il silenzio uccide di rinunciare come in effetti rinuncio al patto d’intesa di cui sopra, a far data dal ricevimento della presente missiva. Mondragone 21 febbraio 2024”.
E’ una prima sconfitta subita dal sindaco Guido Di Leone come logica conseguenza dello scandalo giudiziario che ha coinvolto il comandante della Polizia Municipale, Pierluigi Casale, accusato e sotto processo per aver perseguitato la sua ex, alla quale avrebbe, secondo l’accusa, anche incendiato l’auto. Di Leone nei giorni scorsi è sceso in campo in maniera significativa a sostegno del suo comandante e titolare di diverse altre aree della macchina amministrativa cellolese. “… il Sindaco ha assicurato che a breve verranno smentiti i fatti, per quanto di sua competenza, con evidenti prove, suggerendo che ci potrebbero essere elementi che mettano in discussione le accuse mosse contro il comandante Casale…”. Questo il significativo passaggio di una nota diffusa dallo stesso primo cittadino di Cellole. Chiaramente qualsiasi associazione nata per difendere le donne dalle violenze e dai soprusi aveva il dovere di prendere atto e fare un passo indietro. Così come Licenziato ha fatto.

Guarda anche

RIARDO – Discarica intercomunale di rifiuti, tante ombre. Ferrarelle chiede ai giudici di cancellare il progetto: mette in pericolo le sorgenti

RIARDO – L’azienda Ferrarelle ha promosso un ricorso presso il TAR Campania contro il progetto …