Ultim'ora
foto di repertorio

Calvi Risorta / Pastorano – Camorra e rifiuti: arrestati in otto. Tre sono dell’Agro Caleno. Tutti i nomi

Calvi Risorta / Pastorano – Un movimento di denaro di oltre 11 milioni di euro accertato solo in due anni di indagini. Lo hanno stabilito gli investigatori durante l’inchiesta coordinata dalla Dda di Napoli. Una inchiesta che ha portato, questa mattina, all’arresto di 8 persone, fra loro importanti nomi dell’imprenditoria dell’Agro Caleno.
Il giudice per le indagini preliminari ha disposto gli arresti in carcere per Antonio Caliendo, 38enne di Casal di Principe, e Luca Antonio Iorio, 49enne di Calvi Risorta.
Lo stesso giudice per le indagini preliminari ha deciso gli arresti con il beneficio dei domiciliari Gaetano Marrapese, 49enne di Pastorano; Ersilia Carano, 59enne di Casal di Principe; Nicola Ferri, 69enne di San Marcellino; Nicolino Iorio, 79enne di Calvi Risorta e padre di Luca Antonio; Alfonsina Russo, 34enne di Casal di Principe; Silvana Delia Corvino, 68enne di Casal di Principe e madre di Antonio Caliendo.
Oltre agli arresti la Procura ha disposto il sequestro preventivo per oltre 11 milioni di euro. Nel “bottino” della Guardia di Finanza sono finite anche auto di lusso come  Lamborghini e Ferrari. Secondo l’accusa della Procura la società Ambienta, gestita di fatto Luca Antonio Iorio che era di fatto la continuazione della Casertana Recuperi, colpita da interdittiva Antimafia. Dalla società gestita da Iorio Luca Antonio i soldi passavano ad altre aziende come la Caliendo Appalti srl, Edil Scavi srls, Geca Costruzioni Scavi srls, Three Sister. Tutte società ritenute dalla pubblica accusa “società cartiera”. Le fiamme gialle hanno individuato in Ersilia Carano, Silvana Delia Corvino, Nicola Ferri, Alfonsina Russo, Edilizia Carano srls, Dbs Costruzioni Scavi srls (già Europa Scavi srls), in coloro che effettuavano il prelievo del contante ed eseguivano poi, anche, bonifici su conti esteri.

Guarda anche

TEANO – Anziana scippata in pieno centro: 80enne sotto choc

TEANO – La vicenda è accaduta questa mattina, intorno alle ore 9e30, ne pieno centro …