Ultim'ora
foto di repertorio

SCUOLA E IMBROGLI PER IL POSTO FISSO, compravano diplomi e titoli: 494 falsi maestri e impiegati sotto processo

CASERTA – Falsi diplomi per lavorare nelle scuole, ottenere supplenze o incarichi nella veste di personale amministrativo: in 494 affronteranno il processo dopo il rinvio a giudizio disposto dal Gup del tribunale di Vallo della Lucania. Dinanzi al giudice monocratico compariranno 159 persone, mentre in composizione collegiale gli imputati sono 335. Le accuse sono diverse: dalla corruzione (27 episodi circa) al falso commesso da pubblico ufficiale, fino alla truffa aggravata e al solo tentativo. I titoli falsi riguardavano, in prevalenza, diplomi di grado preparatorio, diplomi di specializzazione polivalente e diplomi di qualifica professionale. Gli imputati provengono dalla zona in cui l’inchiesta è nata, ovvero l’Agro nocerino sarnese, ma anche dalle province di Caserta, Benevento e Napoli e da molti comuni del Nord Italia. Collaboratori esterni e intermediari – stando alle accuse – avrebbero definito e promesso, ad esempio, il pagamento anche di 4000 euro per il rilascio di un falso diploma. Il lavoro dei carabinieri partì dopo una segnalazione proveniente da un Ufficio Scolastico regionale, che evidenziò come alcuni docenti, per l’assunzione in ruolo nel 2018, avessero presentato titoli di studio datati o mai esibiti in alcuna procedura concorsuale. Furono circa 400 le firme false trovate su altrettanti diplomi.

Guarda anche

ALVIGNANO – Cade dal carello elevatore e muore: 15 anni non bastano per fare giustizia

ALVIGNANO – La tragedia avvenne nel 2009 all’interno del capannone della ditta Pacelli. Dal carrello …