Ultim'ora
La famiglia Mottola ascolta la sentenza del giudice

TEANO / ARCE – Omicidio Mollicone, i carabinieri del Ris confermano: Serena è stata uccisa nella caserma di Arce

TEANO / ARCE – Le affermazioni dei militari dell’arma del reparto scientifico sono state fatte durante l’ultima udienza del processo d’appello nei confronti della famiglia Mottola, di aver trovato frammenti di legno ‘lavorato’ e colla sul corpo di Serena Mollicone. Per i carabinieri del Ris le prove scientifiche a supporto dell’accusa ci sono e dimostrano che Serena Mollicone, allora 18enne, entrò nella caserma di Arce, poi, durante una lite, venne sbattuta con violenza contro la porta e poi il suo corpo venne trasportato nei boschi vicino al paese.
Il processo di Appello in corso presso il Tribunale di Roma è stato attivato dal ricorso della Procura di Cassino contro la sentenza dei giudici di primo grado, che assolsero gli imputati, perché gli elementi raccolti in sede di indagine erano lacunosi e non univoci. Il processo di Appello continua.
Il 15 luglio 2022 i giudici di primo grado hanno fatto cadere le accuse nei confronti di Marco Mottola (che ha sempre negato), il padre Franco, ex comandante dei carabinieri di Arce e la moglie Anna Maria per l’accusa di omicidio di Serena Mollicone mentre Vincenzo Quatrale, all’epoca vice maresciallo e accusato di concorso esterno in omicidio, e l’appuntato dei carabinieri Francesco Suprano a cui era contestato il favoreggiamento.

Leggi anche:

Teano / Arce – Delitto Mollicone, i giudici: ecco perché la famiglia Mottola è innocente

Teano / Arce – Delitto Mollicone, la coraggiosa sentenza dei giudici di Cassino

Teano / Arce – Delitto Mollicone, la difesa di Mottola: ” Non ci sono riscontri nè prove, è un processo mediatico”

Guarda anche

TEANO – Pubblica illuminazione, frazione Scalo “oscurata” e dimenticata

TEANO (di Emanuele La Prova) – Da quasi una settimana ormai, gli abitanti della popolosa …