Ultim'ora

Piedimonte Matese – Presunti abusi sessuali su 2 bimbe, dopo assoluzione il caso Rossetti in Cassazione

Piedimonte Matese – Nel prossimo mese di gennaio 2024 i giudici della Cassazione valuteranno il ricorso presentato contro l’assoluzione (decisa dai giudici dell’Appello di Napoli) del professionista matesino accusato di abusi sessuali su due bimbe.
La decisione dei giudici di Appello di Napoli nel processo bis a carico di un professionista di Piedimonte Matese, datata maggio 2023, giunse dopo la sentenza della Cassazione che aveva annullato la sentenza di condanna e rispedito gli atti ai giudici dell’Appello di Napoli. Gli stessi giudici partenopei assolsero l’imputato. Francesco Rossetti, professionista di Piedimonte Matese, accusato di aver abusato sessualmente di due bambine, è stato assolto, in secondo grado, con la formula dubitativa per la mancanza di certezza sui fatti a lui contestati. Cancellata, quindi, la precedente condanna a circa 10 di reclusione. Accolte, quindi, le richieste dei difensori di Rossetti che avevano puntato tutto sulla scarsa attendibilità testimoniale delle due vittime e l’attendibilità di altri testimoni. Pesante sull’intera vicenda l’ombra gettata dalla consulenza di un perito nominato dallo stesso giudice che, in sostanza, aveva definito le vittime poco attendibili, una con la tendenza a mentire, l’altra non in grado di testimoniare.
In tanti dalla sua parte:

Durante questi lunghi mesi di processo gran parte dell’opinione pubblica piedimontese  -almeno quella attiva sui social – si è schierata apertamente e fortemente in favore dell’imputato. In tanti hanno espresso vicinanza all’uomo e incredulità per le accuse mosse contro di lui. “Non è possibile, conosco Francesco da quando siamo nati, non farebbe male ad una mosca”.
Il prossimo gennaio 2024 la vicenda arriverà davanti ai giudici della Cassazione per la definitiva sentenza.

 

Guarda anche

Vairano Patenora / Pietravairano – Spaccio di droga: due arrestati e tre indagati

Vairano Patenora / Pietravairano  – Questa mattina, all’alba, i carabinieri della locale stazione, guidati dal …