Ultim'ora

CELLOLE – Omicidio Caprio, il presunto assassino respinge ogni accusa: non sono stato io

CELLOLE – “Non ho ucciso Pietro, non avevo alcun motivo per farlo”, questa in sostanza la difesa di Angelo Gentile arrestato ieri con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere. Una tesi sostenuta con fermezza per diverse lunghe ore durante le quali il magistrato e i carabinieri che conducono le indagini sul caso hanno incalzato l’indagato.  I due si conoscevano da tempo, la vittima – Pietro Caprio – avrebbe prestato anche del denaro al presunto assassino. Circa 10mila euro nell’anno 2002, somma che l’anziano avrebbe restituito con comodità tanto che l’ultima rata a saldo del dovuto sarebbe stata versata lo scorso mese di settembre. Sulla questione Gentile è stato chiaro: non mi ha mai fatto pressioni, mai una minaccia, mai alcun problema, ho pagato come ho potuto e quando ho potuto. Perché avrei dovuto ucciderlo?. Questo in sostanza il concetto espresso dall’84enne durante l’interrogatorio. L’anziano al momento è in carcere.

Leggi anche:

CELLOLE – Omicidio Caprio: arrestato il presunto assassino. E’ un 84enne del posto

CELLOLE – Ucciso e bruciato nella sua auto: la tragica fine di Pietro

Guarda anche

LA VISITA PRECONCEZIONALE DOVREBBE ESSERE IL PRIMO PASSO PER LA DONNA CHE DESIDERA UNA GRAVIDANZA.

Sembra un concetto banale eppure molte donne si presentano dal ginecologo quando la gravidanza è …