Ultim'ora
foto di repertorio

CRISI OCCUPAZIONALE – Jabil, 190 lavoratori protestano contro i licenziamenti

Marcianise – Sciopereranno ancora i 190 lavoratori della Jabil di Marcianise contro la decisione dell’azienda di procedere ai licenziamenti. Lunedì 14 novembre le rappresentanze sindacali aziendali hanno infatti proclamato otto ore di sciopero con presidio a Napoli a palazzo Santa Lucia, sede della regione Campania, continuano, dunque, scioperi, presidi, cortei e manifestazioni tra Caserta e Napoli. La procedura di licenziamento collettivo è stata avviata dalla Jabil il 23 settembre scorso. I sindacati hanno insistito sulla necessità di ritirare la procedura per poi trattare su strumenti alternativi ai licenziamenti, l’azienda ha ribadito l’intenzione di andare avanti con gli esuberi, per portare entro pochi mesi la forza lavoro del sito casertano dalle attuali 440 unità a 250, soglia ritenuta adeguata per saturare le commesse su cui la Jabil – che ha stabilimenti in tutto il Mondo – è attualmente impegnata a Marcianise.

Guarda anche

Maddaloni – Vertenza Softlab, Oliviero: “Il governo irresponsabile, ora garantisca reindustrializzazione e occupazione per i 200 lavoratori”

Maddaloni – “L’assenza di un piano industriale è responsabilità del governo a cui la Regione …