Ultim'ora

World Autism Awareness Day, conoscenza contro luoghi comuni e falsi miti

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il 2 aprile è il World Autism Awareness Day, l’obiettivo di questa giornata è migliorare la conoscenza di questo disturbo cercando di sfatare i tanti luoghi comuni e i falsi miti. Il Dsm, ovvero Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorder é il compendio di tutti i disturbi mentali e dello sviluppo, la quinta edizione ha cambiato totalmente il modo di intendere e diagnosticare l’autismo. In particolare, il termine “autismo” è stato abolito e sostituito da i “disturbi dello spettro autistico”, che racchiude una serie di patologie: disturbo Autistico, sindrome di Asperger, sindrome di Rett, disturbo disintegrativo della fanciullezza e disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato.  Detto ciò, facciamo un pochino di chiarezza su quando bisogna allarmarsi, soprattutto quando notiamo nel bambino i seguenti comportamenti: non risponde se chiamato dopo il primo anno d’età, fugge il contatto visivo o fisico; tende all’isolamento; da risposte non correlate alle domande; esibisce interessi e comportamenti ripetitivi o ossessivi; presenta ritardo nelle capacità linguistiche; mostrare reazioni esagerate per piccoli cambiamenti nella routine; ha difficoltà nel comprendere i sentimenti altrui e nell’esprimere i propri. Per fortuna esistono vari interventi che, specie se messi in atto tempestivamente, possono apportare dei miglioramenti significativi nella qualità della vita del bambino e nello sviluppo della malattia, però  bisogna considerare che il cui risultato dipende soprattutto dalla gravità del disturbo e dalla presenza o meno di un ritardo mentale associato all’autismo. La scrittrice Ellen Notbohn, nel suo libro,  elenca le 10 cose che ogni bambino con autismo vorrebbe far sapere:

  • Io sono un bambino
  • I miei sensi non si sincronizzano
  • Distingui tra ciò che non voglio fare e non posso fare
  • Sono un pensatore concreto. Interpreto il linguaggio letteralmente.
  • Fai attenzione a tutti i modi in cui cerco di comunicare
  • Fammi vedere! Io ho un pensiero visivo
  • Concentrati su ciò che posso fare e non su ciò che non posso fare
  • Aiutami nelle interazioni sociali
  • Identifica che cos’è che innesca le mie crisi
  • Amami incondizionatamente

Ricorda ama  il bambino che hai di fronte come faresti con qualsiasi bambino e tieni ben presente che lui ha solo te e solo a te può affidarsi, incoraggia i suoi punti di forza, migliora le sue debolezze, proteggi le sue stranezze, ma soprattutto accettalo, solo così si sentirà amato.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

L’acido ialuronico in ginecologia estetica e funzionale

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Recentemente l’acido ialuronico ha fatto il suo ingresso anche in campo ginecologico a fini estetici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.