Ultim'ora
dimagrire forma benessere sport

Dieta dimagrante: come funziona?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Nel lessico comune la parola dieta è associata alla dieta dimagrante anche se il termine coinvolge moltissimi tipi di alimentazione. Infatti oltre alle classiche diete dimagranti la parola dieta annovera ad esempio le diete ipocolesterolemizzanti, le diete ipoglucidiche, le diete depurative, le diete per persone sportive, le diete vegetariane o vegane.

La dieta dimagrante è utile nel caso in cui il soggetto con un peso superiore al peso ideale desideri per motivi medici o estetici perdere peso. Le motivazioni che spingono a intraprendere questo tipo di alimentazione possono essere svariate ma a prescindere da questo la dieta deve essere sana ed equilibrata.

Come organizzare una dieta dimagrante

Solitamente la dieta dimagrante è una dieta moderatamente ipocalorica (500 Kcal in meno del metabolismo totale e non dovrebbe scendere al di sotto delle 1200 Kcal) e di solito è povera in grassi, in zuccheri semplici e alcol. Questo tipo di dieta deve essere studiato su singolo individuo tenendo in considerazione l’età, il sesso, il tipo di lavoro e di attività fisica che viene svolta, la costituzione e lo stile di vita e i gusti alimentari. Una dieta personalizzata è il segreto del successo.

Inoltre il calo ponderale dovrebbe essere moderato e lento (non più di 0,5-1 kg alla settimana), in modo da acquisire i principi base di una sana alimentazione e farlo diventare un modello da mantenere per tutto l’arco della vita. Se l’intento andrà a buon fine la perdita di peso risulterà stabile nel tempo evitando brusche risalite tipiche della sindrome dello yo-yo.

Un regime dietetico dimagrante deve comprendere tutte le sostanze nutritive. Per funzionare in maniera corretta il nostro organismo infatti ha bisogno di un ricambio quotidiano di proteine, grassi, carboidrati, vitamine e sali minerali. Ma è però molto importante assumere questa sostanze nutritive senza sovraccaricare l’organismo di calorie perciò è utile evitare tutti quegli alimenti con un’elevata densità calorica come biscotti, pizze, insaccati, bevande zuccherine, bevande alcoliche e privilegiare cibi come frutta, verdura, carni bianche, pesce, latticini(esclusi i formaggi), pane, pasta.

In alcune occasioni è comodo consumare dei pasti sostitutivi per variare un po’ dalla solita routine

Inoltre una sana dieta dimagrante dovrebbe includere nell’arco della giornata un po’ di esercizio fisico aerobico.
La dieta dimagrante ideale è quella che in grado di apportare piccole variazioni al proprio stile di vita sia dal punta di vista dell’attività fisica che dal punto di vista alimentare.

La giornata ideale

Come deve essere la giornata ideale dietologicamente parlando?

Il pasto principale dovrebbe essere quello di mezzogiorno, ma senza esagerazioni: dovrebbe dare mediamente il 30% delle calorie giornaliere, cioè circa 600-700 Kcal per un totale di 2000 Kcal.

La colazione ha un ruolo essenziale (dovrebbe dare circa il 20% delle calorie totali) e anche spuntini e merende non vanno considerati dei semplici riempitivi in attesa dei pasti principali, ma devono essere nutrizionalmente bilanciati. Per questo in genere si consiglia di consumare della frutta o uno yogurt come spezzafame.

Pertanto il primo pasto della giornata deve essere leggero ma allo stesso tempo ricco di nutrienti e vitamine, utili per il buon funzionamento del nostro organismo. Insomma non limitiamoci ad un caffè preso in tutta fretta.Fra l’altro saltare la prima colazione porta ad aumentare il peso. Verso le 10, più o meno a 3 ore dalla colazione, si consiglia di fare uno spuntino leggero a base di carboidrati (di veloce assimilazione) e relativamente poveri di proteine e grassi, ti aiuta a mantenerti giustamente tonica.

Il pranzo è un pasto molto importante e deve dare il giusto apporto di vitamine, sali minerali, fibre, grassi, proteine e carboidrato. Per lo spuntino pomeridiano via libera a spremute e centifugati di frutta. Per la cena la digeribiltà è un requisito fondamentale, cosi come è utile la presenza di elementi proteici, perchè l’organismo di notte le destina all’uso più proprio, come materiale per la crescita ed il ricambio di tessuti.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Come trovare il drone migliore: i fattori da prendere in considerazione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Negli ultimi anni, i droni sono diventati dei dispositivi molto diffusi. Le ragioni di questa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.