Ultim'ora

FORMICOLA – I misteri del Montemaggiore: da 14 anni nessun caso risolto. Il quadrilatero della paura

FORMICOLA. Quattordici anni non sono bastati per risolvere il giallo del Monte Maggiore. Cinque anziani scomparsi nel nulla, solo uno di loro, l’unica donna,  ritrovata morta in un punto in cui le ricerche erano passate per diverse volte senza notare nulla. Per gli altri nessuna traccia, mai più nulla si saprà di loro. Il rapimento e i riti satanici (le cui tracce all’epoca era abbondanti in zona) sono le ipotesi che hanno contribuito a rendere ancora più misteriosa l’intera vicenda.
Da un lato la lentezza nelle ricerche e scarsi mezzi a disposizione: “siamo stati considerati e trattati come cittadini di seri B –  sostengono all’unisono i familiari delle persone scomparse – che non ancora hanno perso le speranze di poter ritrovare almeno i resti dei propri cari.
Dall’altra parte lo strano atteggiamento dei politici del posto che non hanno mai voluto parlare di mistero classificando le sparizioni come “fisiologiche”. Una tesi che venne sposata anche dai vertici dell’amministrazione provinciale  di Caserta, allora sotto la guida dell’onorevole Riccardo Ventre. Temevano che l’alone di mistero potesse allontanare i turisti dalla zona; negli Stati Uniti, probabilmente, avrebbero invece costruito sul caso un  redditizio turismo di massa facendo leva proprio sul giallo delle sparizioni.
Tutto è avvenuto in un quadrilatero composto dai comuni di Liberi (due scomparsi), Pontelatone, Formicola e Castel Di Sasso. Piccoli centri montani, confinanti e adagiati nel cuore del massiccio del Monte Maggiore dove la vita scorre ancora secondo una lentezza e una monotonia antica.
Gli inquirenti, all’epoca seguirono diverse piste, tutte però non sono state capaci di risolvere il mistero. Ad alimentare la fantasia popolare ci furono principalmente due episodi: un furgone bianco che per alcuni giorni percorreva, in quel periodo, le stradine dei quattro comuni del Monte Maggiore e le tracce di numerosi riti satanici su Monte Demonio, una cima situata nella parte ovest della catena montuosa.
Maria Cirillo, 86 anni scompare da Profeti (frazione di Liberi) il due ottobre del 1998, viene ritrovata, morta, dopo oltre quattro mesi in località Fratte. Le ossa e i resti della povera anziana erano sparsi ovunque. Il cranio (che fu la prima parte del corpo ad essere ritrovata) sorprese perché “troppo pulito”.
Il 14 febbraio 1999, a Pontelatone, si perdono le tracce di Raffaele Izzo, 86 anni. L’anziano venne notato da alcuni uomini mentre camminava, lungo la strada provinciale,  verso la propria abitazione. Poche centinaia di metri che Izzo non ha mai percorso.
Tocca poi a Vincenzo Santillo di 67 anni, scomparso da Formicola il 12 agosto 1999. L’uomo originario della zona viveva con il figlio a San Prisco. Quella sera, come ogni anno, volle partecipare ad una delle tante sagre che caratterizzano l’estate nei piccoli centri del Monte Maggiore.  Alcuni amici lo vedono, per l’ultima volta, poco prima della mezzanotte camminare fra i tavoli nella pizza del paese. A casa però non ternerà mai più.
Giacinto Maioriello, di 69 anni, svanisce nel  nulla da Cisterna, frazione del comune di Castel di Sasso il 18 ottobre 1999. L’uomo abitava in un antico palazzo nel centro della frazione dove la strada finisce. Come ogni giorno Giacinto parlò con i vicini e con alcuni muratori che lavoravano per il restauro di una casa lungo la stessa strada. La solita via, la solita sedia sulla quale l’anziano rubava qualche raggio al sole. Ma quale giorno non fu come gli altri: improvvisamente Giacinto non fu più visto, tutti pensavano fosse rientrato in casa. Ma non era così.  Eppure per allontanarsi dalla propria abitazione l’anziano doveva passare, obbligatoriamente, davanti alle altre persone che come ogni giorno era sedute sull’uscio di casa. Ma tutti giurano di non averlo notato. “Qui non è passato – giurò più volte Maria – perché io non mi sono mossa fino all’ora di pranzo”.
Dopo quest’ultimo episodio ci sono due anziani che giurano di essere scampati, per puro caso, ad un tentativo di rapimento da parte di due sconosciuti a bordo di un furgone bianco. Poi una lunga
pausa ad interrompere questa allucinante catena di scomparse.
L’incubo riappare il 29 novembre 2002 quando tocca ad Antonio Isolda sparire. Vengono rinvenute diverse tracce ed in particolare alcuni capi d’abbigliamento, in luoghi e tempi diversi. Nonostante tutte le ricerche fatte a più riprese lungo tutta la catena del Monte Maggiore, la sorte dell’uomo resta un mistero. I suoi pantaloni vennero ritrovati in località Fratte (stessa zona nella quale venne ritrovato il cadavere di Maria Cirillo) completamente rivoltati.

Il fenomeno delle sette sataniche e delle messe nere sembra essere ben radicato nel territorio del Monte Maggiore; proprio nell’aprile del 1999 un testimone raccontò a Chi L’ha Visto di aver assistito al sacrificio di un cane sulla cima di Monte Demonio. Sempre sulla stessa cima  venne ritrovato un altare rudimentale in pietra intorno ad esso erano sistemate tante croci sulle quali erano conficcate teste di bambole con il viso bruciato. La fantasia popolare si è spinta fino a credere che le persone sparite sul Monte Maggiore possano essere state utilizzate per sacrifici umani, proprio all’intero di riti satanici.

Guarda anche

Piedimonte Matese – Giovane professoressa si lancia dal terzo piano: incredulità e dolore in via Sannitica

Piedimonte Matese – Insegnava presso la scuola media Vitale del capoluogo matesino, abitava all’interno di …