Ultim'ora

PRESENZANO / VAIRANO PATENORA – Centrale Turbogas, l’avvocato Sarro rinuncia alla sospensiva. Si discuterà il merito

PRESENZANO / VAIRANO PATENORA –  Ieri si discuteva davanti al Tar Lazio il ricorso, presentato dal comune di Vairano Patenora contro il comune di Presenzano per la sottoscritta convenzione con al Edison  per la realizzazione della centrale turbogas. Il senatore Carlo Sarro, difensore del comune vairanese, avrebbe rinunciato alla sospensiva chiedendo ai giudici di esprimersi nel merito sulla vicenda.

La soddisfazione di Martone: “da pochi minuti ho terminato il colloquio con l’avv.carlo sarro, che difende il gruppo consiliare di minoranza e il comune di vairano al tar lazio, contro la edison e il comune di presenzano per aver sottoscritto una transazione d’insediamento della turbogas e in cambio di compensi ha ritirato il precedente ricorso tar contro il decreto d’insediamento. l’ho gia’ anticipato in una lunga chat con la consigliera conte,  il tar lazio ha riconosciuto la legittimita’ del merito del ricorso contro edison e presenzano rinviando appunto a una decisione su sentenza e dibattimento di merito. giustamente non ha ritenuto di fare ordinanze di sospensione per la complessita’ dell’argomento. e’ un grande fatto positivo perche’ se e’ vero che non ha ritenuto di fare ordinanze di sospensiva, non ha fatto nemmeno ordinanza di inammissibilita’ o di derubricazione. quindi non ci sono ragioni a priori della edison e vanno tutte verificate nel merito. in ogni caso si concede anche tempo prezioso per continuare e allargare la battaglia sociale contro la turbogas, perche’ come ricorderete il decreto di concessione autorizzava la edison a predisporre le opere ma solo dopo l’intera e totale conclusione della fase amministrativa. avanti tutta allora”.

Guarda anche

CAIANELLO – Furti, “visitate” 3 abitazioni: indagano i carabinieri

Caianello – L’azione dei malviventi è stata attuata l’altro notte, poco dopo la mezzanotte, lungo …

un commento

  1. Solitamente si rinuncia alla sospensiva perché manca il fumus boni juris ed il danno e’ comunque suscettibile di risarcimento economico e non è quindi irreparabile, sinceramente non comprendo la “gioia” espressa da Martone se chi ha formulato la richiesta di sospensiva vi ha poi rinunciAto ?