Ultim'ora

PONTELATONE – Trebula Balliensis alla Borsa mediterranea del Turismo di Paestum

PONTELATONE. In occasione della XV Borsa mediterranea del Turismo di Paestum, evento internazionale dedicato alla crescita del turismo archeologico,

il Gruppo Archeologico Trebula Balliensis presenterà due relazioni dedicate all’Antica Trebula Balliensis, meravigliosa città sannitica spesso definita, per la monumentalità  e l’importanza dei rinvenimenti, “la Pompei dei Sanniti”. E’ l’ennesima iniziativa svolta dall’associazione per garantire che un tale patrimonio  raggiunga una posizione di primo piano sia per quanto riguarda gli studi che come meta turistica.

In tale ottica il Comune  di Pontelatone e il Gruppo Archeologico da anni portano avanti, di comune intesa , attività e progetti volti alla divulgazione e valorizzazione del Parco Archeologico, valorizzando l’impegno assunto con il finanziamento delle attività di scavo ottenuto grazie al il PIT Monte Trebulani-Matese.

L’archeologia rappresenta una ricchezza per l’economia del territorio. Treglia e Pontelatone rappresentano già oggi note mete del Turismo legato alle eccellenze enogastronomiche e la valorizzazione di un sito archeologico di importanza mondale. Pertanto , oltre che un dovere, è un’occasione imperdibile per  vivere e tutelare lo splendido paesaggio rurale e le colture tradizionali d’eccellenza, quale il pregiato vitigno Casavecchia (uno dei rari piedefranco) la Castagna “Ufarella “e la ciliegia Imperiale, per non parlare dei prodotti derivati dal Maiale Nero Casertano. Il sito offre monumentali resti della città sannitica, ben rappresentati dalla Porta Megalitica ( la più grande d’Europa, inserita in un circuito murario di ben oltre 2,5 km) e dall’Heroon, una tomba di un mitico eroe e fondatore della città. Anche la fase romana di Trebula ha lasciato importanti vestigia quali le Terme ( che conservano addirittura i rivestimenti marmorei originali).  ULTERIORI NOTIZIE SULLA CITTA’ ANTICA A QUESTO LINK: http://www.trebulaballiensis.org/storia_e_archeologia_di_trebula.html

Questa città, grazie ad opportune intese,  ha rappresentato una sorta di laboratorio per giovani studenti, appassionati e docenti accorsi da tutt’ Italia ed anche da Francia e Spagna per partecipare alle campagne di scavo volontarie e ai corsi e attività culturali organizzate dal Gruppo Archeologico Trebula Balliensis. Importante il coinvolgimento di una delegazione di operatori turistici del Pontelatonese che visiterà la Fiera, nuovo atto di una collaborazione dei soggetti privati alla costituzione di un sistema economico che favorisca la creazione di pacchetti turistici e potenzi l’attrattività. Le relazioni riguardanti Trebula saranno ospitate nel IV Convegno Nazionale dei Gruppi Archeologici d’Italia, e si svolgeranno a partire dalle 11:40 presso la Sala di Diana.La prima relazione sarà tenuta dall’Avv. Domenico Caiazza, redattore ed Autore del  D.O.S. ( Documento Operativo Strategico )  del PIT Archeologico Monti Trebulani e autore di studi scientifici riguardanti gli insediamenti fortificati italici. La relazione , dal titolo “Trebula Balliensis: una straordinaria città sannitica e romana”, tratterà degli interessantissimi rinvenimenti nella città di Trebula, progetto portante del PIT, pubblicati, con eccezionale tempestività, nel 2009 nel volume “Trebula Balliensis: notizia preliminare degli scavi e restauri 2007-2008-2009”. La seconda relazione sarà tenuta da Valerio Caiazza, fondatore e Direttore del Gruppo Archeologico Trebula Balliensis, ed esporrà le iniziative culturali dell’Associazione, ponendo in modo particolare l’accento sul coinvolgimento dei giovani, le attività di valorizzazione  e le possibili attività future derivanti dal protocollo d’intessa stretto dal Gruppo Archeologico con l’Università di Chieti Pescara, la Cattedra di Geologia dell’Università Federico II di Napoli ed altre associazioni culturali del territorio. La rassegna delle passate attività sarà soprattutto finalizzata al riepilogo dei fatti quale premessa ad un rilancio per nuove attività culturali, divulgative e promozionali,  mirando a proseguire la ricerca scientifica (sempre collaborando ed in sintonia con gli Enti preposti) e la didattica. Un ulteriore spazio sarà dato all’introduzione del Cammino di Annibale in Campania: Trebula fu città contesa da Annibale e Fabio Massimo. Oggi il Comune di Pontelatone ed il Gruppo Archeologico  Trebula Balliensis mirano all’introduzione di tale itinerario culturale , promosso dal Consiglio d’Europa, in Campania, vincendo anni di disinteresse scientifico e promozionale  per l’argomento per rinvigorire un turismo di qualità.

Guarda anche

Pietramelara – Palazzo Ducale: denunciati i vertici dell’ente comunale. Falso ideologico fra le ipotesi di reato

Pietramelara – Il divieto di sosta imposto dall’amministrazione comunale all’intero di un cortile privato potrebbe …