Ultim'ora

VAIRANO PATENORA – Assalto agli immigrati, pene ridotte in appello per quattro vairanesi. Confermata l’aggravante razzista

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Vairano Patenora – Stamane (06 febbraio 2018) davanti alla quarta sezione penale della Corte di Appello di Napoli (Presidente giudice  Giacobini) si è decisa l’appello proposto da Bianco Aldo, Caggiano Massimo, Daniele Nicola e Pecoraro Massimo. I quattro giovani di Vairano Patenora erano accusati di aver effettuato un raid punitivo contro un centro immigrati sito in quel comune, con l’ausilio di armi da sparo, con l’aggravante della finalità razziale. Gli imputati si dono difesi dal primo momento, pur non contestando l’episodio, escludendo ogni finalità razziale, ma sostenendo di aver agito ritenendo un ospite di quel centro responsabile di essersi impossessato di uno smartphone di uno di loro, depositato in un borsello detenuto nella propria auto mentre era intento al lavoro nei campi. La pena inflitta, in primo grado, dal Giudice del Tribunale di S. Maria C. V. all’esito del giudizio abbreviato (rito scelto da tutti gli imputati) fu pesantissima ed andò (tranne per Caggiano) oltre le richieste di pena formulate dallo stesso pubblico ministero. Il giudice Caparco, infatti, inflisse a Cangiano la pena di sette anni di reclusione, a Bianco quella di anni quattro e mesi otto di reclusione; a Daniele e Pecoraro la pena di anni quattro di reclusione ciascuno.  Stamattina la Corte di Appello di Napoli (Quarta Sezione Penale), accogliendo le richieste del collegio difensivo composto dagli avvocati Fabrizio Zarone, Ernesto De Angelis, Vincenzo Cortellessa e Vincenzo Russo – che hanno rinunciato agli altri motivi di Appello di merito insistendo solo per l’accoglimento di quelli relativi alla quantificazione della pena – ha concesso le attenuanti generiche a tutti gli imputati ed ha ridotto le pene irrogate in primo grado. Cinque anni di reclusione per Caggiano, tre anni e sei mesi di reclusione per Bianco e tre anni di reclusione ciascuno per Daniele e Pecoraro.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

DRAGONI / ALIFE – INSEGNANTE STRONCATA DAL MALE DEL SECOLO, DUE COMUNITÀ IN LUTTO

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto DRAGONI / ALIFE – Ha perso la sua battaglia contro il cancro Ilaria Farina, insegnante …

2 commenti

  1. E l immigrato che fregò il cellulare, quanto deve scontare di pena?

  2. Il cellulare non è stai mai trovato, nè esistono prove che a rubarlo sia stato un immigrato di quel centro preso d’assalto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.