Ultim'ora
foto di repertorio

SPARANISE – Processo Cantile, interrogatorio fiume per il maresciallo del Noe: si torna in aula a novembre

SPARANISE –  Processo Cantile, interrogatorio fiume per il maresciallo del Noe che ha condotto le indagini sul caso. La deposizione del sottufficiale ha assorbito l’intera udienza di oggi e dovrà continuare nell’udienza del prossimo novembre. Poi saranno gli avvocati difensori, volendo, a porre le proprie domande al maresciallo.  L’inchiesta condotta dai carabinieri della compagnia di Capua ha coinvolto   Guido Cantile, originario di San Cipriano di Aversa, ma residente a Caserta; Luigiantonio Cantile, residente a Caserta; il fratello Pasquale Cantile, residente anche lui a Caserta; Assunta Di Caprio, residente a Carinola; Agostino Verde, residente ad Aversa; Luigi Cammisa, residente ad Aversa; Antonio Di Feo, residente a Guardia Lombardi in provincia di Avellino; Giuseppina Genovese, di Agropoli; Luigi Bacco, di Agropoli; Ileana Micillo, di Sparanise; Paola Mormile, di Casal di Principe; Amedeo Fasulo, fratello dell’ex assessore del Comune di Caiazzo, Angelo. I reati contestati, a vario titolo, sono quelli di associazione per delinquere, rivelazione di segreto d’ufficio continuato, frode nell’esercizio del commercio, vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, commercio di sostanze alimentari nocive, falso ideologico, rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro, lesioni colpose conseguenti a infortuni sul lavoro, violazione di sigilli e smaltimento illecito di rifiuti. I Cantile, padre e figli, secondo gli inquirenti, sono i promotori dell’associazione a delinquere che avrebbe reiterato negli anni diversi illeciti, con il contributo di alcuni dipendenti e collaboratori dell’azienda, nonchè con la complicità e connivenza di veterinari dell’Asl (Verde e Cammisa). Questa organizzazione avrebbe realizzato un sistema ben collaudato negli anni, che le avrebbe consentito di raggiungere importanti traguardi economici, a discapito delle più elementari norme di sicurezza dei lavoratori e di tutela della salute pubblica. Proprio da un incidente sul lavoro, costato le dita di una mano ad un operaio del caseificio di Saparanise, sarebbe partita l’inchiesta della Procura sammaritana che avrebbe portato a scoperchiare un vaso di Pandora, dalla adulterazione di alimenti (al latte di bufala veniva abitualmente miscelato latte vaccino), all’utilizzo di partite di latte e di cagliata, spesso molto scadenti, acquistate in Francia, Polonia e Ungheria. Accuse che, fondamentalmente, sono respinte dagli  imputati.  Nel collegio difensivo gli avvocati Angelo Raucci, Rosario Avenia, Antonio Mirra, Fabrizo Zarone e Giovanna Zarone

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Informazioni su La redazione

Guarda anche

Teano / Vairano Patenora – Migliori scuole della provincia: nell’Alto Casertano bene Alberghiero Teano e Professionale Vairano. Male tutte le altre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.
Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.