Ultim'ora

CASERTA – L’INPS SBAGLIA I CALCOLI E SE LA PRENDE CON LA PENSIONATA VEDOVA

Caserta – Il Tribunale di Napoli Nord annulla il recupero delle somme e condanna l’INPS alla restituzione. Paradossale vicenda che vede protagonista l’INPS di Caserta e una insegnante in pensione di San Cipriano d’Aversa, assistita dall’avvocato Sergio Cavaliere. La docente, vedova dal 2015 di un funzionario pubblico, percepisce pensione di reversibilità, avendone i requisiti. Dopo 8 anni l’Ente si accorge di aver sbagliato i calcoli e chiede alla pensionata la restituzione di 38.708,82, attraverso trattenute mensili per € 428,64, e intimando di pagare immediatamente 8.262,57 €. Una richiesta che non indica nemmeno il sistema di calcolo effettuato per l’elargizione e per il recupero.  Il ricalcolo sarebbe dipeso da un errore dell’INPS, senza alcun intervento doloso della pensionata.
A nulla è valso un primo ricorso in autotutela all’INPS, che si rifiutava di rispondere. Vano anche il secondo ricorso al Comitato di Vigilanza, promosso dalla pensionata, assistita dall’avv. Cavaliere, del foro di Santa Maria Capua Vetere e tramite un patronato. L’INPS nulla rispondeva e dichiarava che il ricorso inviato tramite patronato fosse inesistente, disconoscendo le funzioni di assistenza tecnica e legale. La pensionata si vedeva costretta al terzo ricorso, al Tribunale di Napoli nord, evidenziando la buona fede della pensionata, la mancanza di indicazione dei metodi di calcolo ed il comportamento sprezzante e contrario ai principi di trasparenza, imparzialità e buon andamento dell’amministrazione da parte dell’INPS. Il legale Cavaliere chiedeva l’annullamento dell’atto di recupero e la restituzione delle somme indebitamente trattenute alla pensionata.
L’INPS si costituiva in giudizio davanti al dott. Marco Bottino, giudice della Sezione Lavoro e Previdenza del Tribunale di Napoli nord, chiedendo il rigetto della domanda. Il giudice, con sentenza depositata nei giorni scorsi, chiariva che “la normativa è chiara nel prevedere l’applicabilità della sanatoria a prescindere dalla natura dell’errore in cui sia incorso l’Istituto (e, dunque, anche in caso di errore del tutto incolpevole), salva l’ipotesi di omessa od incompleta segnalazione da parte del pensionato di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione goduta”. Pertanto, evidenziata la mancanza di dolo del ricorrente, annullava l’atto di recupero ee condannava l’INPS a restituire le somme indebitamente trattenute e al pagamento delle spese in favore dell’avvocato Sergio Cavaliere.

Guarda anche

MONDRAGONE – Si nascondeva nella soffitta della madre, arrestato latitante

Mondragone – Casa di mamma è sempre il rifugio più sicuro dove ogni uomo può …